Calcio femminile in ginocchio contro il razzismo. Bach: “È consentito”

Calcio femminile in ginocchio contro il razzismo. Bach: “È consentito”
Altri dettagli:
La Gazzetta dello Sport SPORT

Sono le prime dimostrazioni politiche dopo il via libera del Cio: all’interno del campo di gioco ora sono consentite.

Un’ora dopo la scena si ripete, a Tokyo, prima della sfida tra Stati Uniti e Svezia.

Questo è quello che c’è scritto nelle linee guida del Cio” ha sottolineato il presidente del Cio Thomas Bach.

Il Cio consente gesti di attivismo — se consentito dall’organo di governo di quello sport — solo prima o dopo l’inizio ufficiale degli eventi alle Olimpiadi

Prima Gran Bretagna e Cile, poi Svezia e Stati Uniti: sono le prime dimostrazioni politiche dopo il via libera del Cio. (La Gazzetta dello Sport)

Ne parlano anche altri giornali

Questo il commento del numero uno del CIO, Thomas Bach: “Inginocchiarsi “è permesso, non è una violazione della regola 50 Nelle prime partite del torneo di calcio femminile, Gran Bretagna-Cile e Stati Uniti-Svezia, le giocatrice si sono inginocchiate appena dopo il fischio dell’arbitro. (OA Sport)

Calcio femminile, Olimpiadi Tokyo: giocatrici in ginocchio contro il razzismo e Bach consente il gesto
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr