Il canone Rai sotto sfratto - ItaliaOggi.it

Italia Oggi ECONOMIA

Fonti della Commissione europea fanno sapere a ItaliaOggi che l'anno prossimo l'Italia dovrà far sparire il canone tv dagli «oneri impropri» dei costi dell'energia se vuole rispettare gli impegni presi nell'ambito del Piano di ripresa e resilienza (Pnrr).

Il canone Rai rimane in bolletta fino al termine del 2022.

L'imposta sarà comunque tolta dai costi dell'elettricità attraverso la riforma relativa al mercato dell'energia

(Italia Oggi)

Ne parlano anche altre fonti

A confermare queste voci è stata la stessa azienda con il dirigente Carlo Fuortes che ne ha parlato per il quotidiano La Repubblica. (Centro Meteo Italiano)

Essendo la Rai servizio pubblico e quindi controllata seppur parzialmente dallo stato, il canone per anni è stato pagato da una ristretta categoria di persone. Il Canone Rai rappresenta un tema “sempreverde” per la popolazione italiana: con questo termine infatti si indica una vera e propria imposta che si applica sui possessori di apparecchi in grado di riprodurre contenuti multimediali. (SOCIAL)

Si tratta di una decisione che rientra nell’ambito degli impegni presi dal Governo italiano con l’Unione Europea nel Pnrr, dove è stata messa nero su bianco la cancellazione dell’obbligo per i venditori di elettricità di “raccogliere tramite le bollette somme che non sono direttamente correlate con l’energia” La tassa resterà in bolletta per un altro anno, ma dal 2023 tornerà ad essere un’imposta gestita in autonomia, slegata dall’utenza per il servizio di fornitura elettrica. (Corriere dello Sport.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr