Rita, confermata la convenienza fiscale

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Ascolta la versione audio dell'articolo. 2' di lettura. In risposta ad una richiesta di consulenza giuridica avanzata nel 2019, l'Agenzia delle Entrate si è recentemente espressa su alcune questioni di dubbia interpretazione che si attendevano da tempo.

Loading. 2) l'aliquota di tassazione del 15/9%, dato il carattere non definitivo della prestazione in commento (il montante resta in gestione presso il fondo, sono possibili versamenti aggiuntivi, è ammessa la revoca ecc…), non può cristalizzarsi al momento della accettazione della richiesta della RITA, ma continua a ridursi, in ragione dell'aumentare dell'anzianità di iscrizione al fondo, anche in corso di erogazione della RITA medesima. (Il Sole 24 ORE)

Ne parlano anche altre fonti

Era infatti possibile accedere alla RITA da parte dei lavoratori iscritti alla previdenza complementare in possesso dei requisiti richiesti per l’APE volontario. La finalità della RITA è allora quella di fungere da “salvagente finanziario” per l’aderente traghettandolo al raggiungimento della pensione di vecchiaia. (Ipsoa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr