Rivoluzione Partite Iva: cambiano i pagamenti. Ecco come

ilGiornale.it ECONOMIA

Infine, come riportato da La Stampa, entro il 30 novembre potrebbero esserci anche le novità sugli acconti: la prima tranche si pagherebbe tra giugno e dicembre mentre la seconda tra gennaio e giugno dell'anno successivo.

Cosa cambia adesso. Per i lavoratori autonomi, però, non sembra essere finita qui: all'ipotesi di Parlamento e governo anche l'uscita graduale dalla flat tax al 15% per le partite Iva che superano la soglia dei 65mila euro così da evitare eccessive penalizzazioni. (ilGiornale.it)

Su altri media

Insomma, i titolari delle partite Iva potrebbero dover saldare i loro debiti con il Fisco ogni 30 giorni. Verrà eliminato il sistema di saldo e acconto due volte l’anno e verrà sostituito con il pagamento di rate mensili. (Quotidiano di Sicilia)

La svolta. Ora l’argomento torna in cima all’agenda, e il progetto potrebbe essere portato a termine indipendentemente dalla riforma fiscale generale. Ora qualcosa si muove quanto meno sul fronte delle Partite Iva. (QuiFinanza)

Il Governo pensa ad una “uscita graduale”, dalla flat tax al 15% per tutte le Partite IVA con un fatturato maggiore di 65.000 euro Stavolta la novità non è bella come quella dei nuovi contributi a fondo perduto, ma c’è da prender comunque nota. (ContoCorrenteOnline.it)

C’è una proposta della Lega sulla quale ci sarebbe la convergenza di parte della maggioranza, di Italia Viva e il Movimento 5 Stelle. Ma prima di questa data potrebbe arrivare una vera e propria rivoluzione. (Vesuvius.it)

Coinvolti anche i contribuenti forfettari. Di conseguenza si potrebbe poi sfruttare il termine più ampio e andare al 20 agosto con l’aggiunta della maggiorazione dello 0,40%. (Salernonotizie.it)

Aosta - Dopo l’approvazione in aula e la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della legge di assestamento di Bilancio, 20 milioni di euro vengono ora destinati ai bonus per i titolari di partita Iva, ai quali si affiancano 29 milioni dello Stato. (AostaSera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr