Sopra le nubi con Virgin Orbit

ALIVE UNIVERSE ECONOMIA

Virgin Orbit ha spostato il punto di rilascio per questo lancio rispetto ai precedenti, spostandolo a ovest sud-ovest, più al largo nel Pacifico.

Virgin Orbit ha twittato un'ora dopo il rilascio di tutti e sette i satelliti sul razzo era avvenuto regolarmente.

Crediti: Virgin Orbit.

I razzi LauncherOne di Virgin Orbit sono progettati e fabbricati a Long Beach, in California, e vengono lanciati da un aereo madre Boeing 747-400 modificato che consente a Virgin Orbit di operare da località di tutto il mondo per soddisfare al meglio le esigenze di ogni cliente

Nella foto Cosmic Girl mentre vola sopra le nubi con il razzo LauncherOne ancora sotto l'ala sinistra. (ALIVE UNIVERSE)

Su altre testate

Il missile, lungo 21,3 metri, si è acceso ed è stato sganciato a circa 10.600 metri di altezza. La società del miliardario Richard Branson ha successivamente confermato che tutti i satelliti sono stati posizionati nella loro orbita corretta. (LaPresse)

E' la prima missione che Virgin Orbit porta a termine nel 2022 e la terza ad andare a buon fine per l'azienda californiana. quando a circa 10.700 metri è avvenuto il rilascio di Launcher One, il razzo a due stadi che si è occupato dell'ultima parte del viaggio verso l'orbita. (HDblog)

Attualmente il titolo di Virgin Orbit ($ VORB) è quotato a 9:40 $ per azione Virgin Orbit ha concluso ieri sera, 13 gennaio, il suo terzo lancio di successo, portando in orbita 7 diversi cubesat. (Astrospace.it)

La società del miliardario Richard Branson ha successivamente confermato che tutti i satelliti sono stati posizionati nella loro orbita corretta. Si tratta di strumentazioni del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, della società polacca SatRevolution e della multinazionale Spire Global. (Il Sole 24 ORE)

Alla domanda di dettagli sui carichi utili STP, Dan Hart, presidente e amministratore delegato di Virgin Orbit, li ha descritti solo come "esperimenti che stanno volando, in genere per testare le tecnologie spaziali". (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr