Borse europee giù. Piazza Affari resta a galla

ilmessaggero.it ECONOMIA

Prevale la cautela sull'oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,36%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Bff Bank (+5,14%), Maire Tecnimont (+3,94%), Antares Vision (+3,40%) e Tinexta (+2,71%).

Giornata negativa per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 109,3 dollari per barile, in calo dell'1,06%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Interpump (+7,29%), Saipem (+4,15%), Hera (+3,40%) e Tenaris (+2,61%). (ilmessaggero.it)

Su altri media

La strategia energetica della Germania e la dipendenza dalla Russia durante i precedenti governi sono stati un grave errore. Nessuna intesa sull'embargo del petrolio russo. Ieri i ministri degli Esteri europei non sono riusciti a trovare un'intesa sul blocco del petrolio russo. (Milano Finanza)

I listini del Vecchio Continente sono sostenuti dai dati sul Pil dell'Eurozona, migliore delle attese, e dalla corsa dei titoli tecnologici, che beneficiano dell'atteso allentamento della stretta regolamentare da parte delle autorità di Pechino. (La Sicilia)

Se è la prima volta che ti registri ai nostri servizi, conferma la tua iscrizione facendo clic sul link ricevuto via posta elettronica. Abbiamo ricevuto la tua richiesta di iscrizione. (Finanzaonline.com)

In questo clima, il presidente di Goldman Sachs, Lloyd Blankfein, ha dichiarato che c'è un rischio «molto, molto alto» di recessione negli Stati Uniti. Nel mese di aprile, in Cina la produzione industriale è scesa del 7% rispetto a marzo e del 2,9% su anno. (Il Sole 24 ORE)

Se è la prima volta che ti registri ai nostri servizi, conferma la tua iscrizione facendo clic sul link ricevuto via posta elettronica. Se vuoi ricevere informazioni personalizzate compila anche i seguenti campi opzionali (Finanzaonline.com)

Ieri 260 soldati, alcuni feriti gravemente, sono stati fatti evacuare dall'acciaieria Azovstal di Mariupol e portati in un'area sotto il controllo russo. L'oro, che ieri era brevemente sceso sotto quota 1.800 dollari, oggi risale (+0,73%) a 1.827 dollari l'oncia. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr