Assotabaccai e il Pos: "Escludere dalle sanzioni tabaccherie e ricevitorie"

ArezzoNotizie ECONOMIA

"L’entrata in vigore della norma che introduce le sanzioni in caso di mancato utilizzo del POS rischia di tradurre il provvedimento in costi insostenibili per le imprese più piccole, specie a conduzione familiare - commenta con preoccupazione Margherita Maniscalchi, presidente provinciale Assotabaccai Confesercenti Arezzo - ma annullerebbe lo stesso principio condivisibile alla base delle sanzioni per alcune tipologie di impresa: la lotta all’evasione fiscale, tramite l’obbligo di accettazione di pagamenti con carta e bancomat, è un controsenso nel caso delle tabaccherie che sono, infatti, concessionarie dello Stato. (ArezzoNotizie)

La notizia riportata su altri media

Pertanto, chiediamo quanto prima un confronto con il Governo in merito all’esclusione delle tabaccherie/ricevitorie dall’obbligo di pagamento con moneta elettronica per quanto riguarda i generi di monopolio Ridurre i costi per incentivare la moneta elettronica. (piacenzasera.it)

In pratica qualunque attività rivolta al consumatore finale. Da oggi, 30 giugno 2022, scatta l’obbligo di dotarsi di un Pos per i professionisti. (CittaDellaSpezia)

Scattano infatti le nuove regole previste dall'ultimo decreto Pnrr: per chi rifiuta il pagamento elettronico sanzione di 30 euro aumentata del 4% del valore della transazione. «Già oggi nel nostro Paese - sottolinea Confcommercio - il numero di transazioni con carte di debito, di credito e prepagate è elevato, con una crescita, nell’ultimo quinquennio, del 120% e sono oltre 4 milioni i Pos installati e attivi presso le attività commerciali e di servizi. (VeronaSera)

Come funziona. L'obiettivo delle nuove regole è quello di perseguire in ogni modo e a ogni livello l'evasione fiscale. Questa volta per chi rifiuta il pagamento elettronico, a prescindere dalla cifra, ci sarà una sanzione amministrativa di 30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l'accettazione. (UdineToday)

Questa la posizione espressa da Assotabaccai in una nota. In tale scenario Assotabaccai chiede "quanto prima un confronto con il Governo in merito all'esclusione delle tabaccherie/ricevitorie dall'obbligo di pagamento con moneta elettronica per quanto riguarda i generi di monopolio. (Finanza Repubblica)

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi (Borsa Italiana)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr