Torino, bambina di tre anni precipita dal quarto piano di un palazzo e muore: fermato compagno della madre…

Torino, bambina di tre anni precipita dal quarto piano di un palazzo e muore: fermato compagno della madre…
Il Fatto Quotidiano INTERNO

Nella notte sono stati anche posti sotto sequestro i nastri delle telecamere di sorveglianza che avrebbero potuto riprendere parzialmente la caduta

È morta all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino la bambina di tre anni, di nome Fatima, che nella serata del 13 gennaio è precipitata dal quarto piano di un palazzo di via Milano.

Secondo le prime ricostruzioni, la donna e il suo compagno, che non è il papà della bambina, non erano nella stessa casa al momento della caduta della piccola. (Il Fatto Quotidiano)

Ne parlano anche altre testate

Foto hot davanti chiesa, influencer rischia carcere/ Offende sentimento religioso. BIMBA PRECIPITA DAL BALCONE, COMPAGNO MADRE ERA UBRIACO. Azar Mohssine, il compagno 23enne della madre della piccola Fatima, è stato fermato dalla polizia nell’indagine che riguarda la morte della bimba di tre anni. (Il Sussidiario.net)

Il compagno della madre era in evidente stato di ubriachezza. Azhar Mohssine, 32 anni, compagno della madre della bambina è stato fermato dagli investigatori dopo essere stato interrogato e aver fornito, tra le lacrime, la sua ricostruzione dell’accaduto. (Open)

Ma nelle prime ore di oggi, venerdì 14 gennaio, il corpo della piccola non ce l’ha più fatta ed è stata comunicata la sua morte. E ieri sera intorno alle 22, quando è avvenuto il drammatico fatto, quest’ultimo era ubriaco. (Torino Top News)

Tragedia via Milano, il 32enne fermato agli inquirenti: “Non sono stato attento”

Ieri mattina infatti era stato condannato a otto mesi per possesso di 50 grammi di hashish. C. italiana, 41 anni, della piccola, il cui appartamento è al quarto. (RagusaNews)

Il fermo è scattato per omicidio volontario con dolo eventuale ma la procura non ha ancora formulato l’imputazione per l’udienza di convalida L’uomo abita al quinto piano della palazzina ed è il compagno della madre della piccola, il cui appartamento è al quarto. (La Provincia di Biella)

Nelle prossime ore l'autopsia. A difenderlo l’avvocato Alessandro Sena: “Il mio assistito è molto provato per quanto accaduto, ha saputo della morte della piccola quando è arrivato in Procura e ha pianto a lungo, così come ha pianto durante l’interrogatorio”. (TorinOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr