Auto, stop a benzina e diesel dal 2035: cosa rischiano le aziende e i lavoratori in Italia

Corriere della Sera ECONOMIA

Per l’Anfia, l’associazione della filiera automotive italiana, invece le imprese a rischio sono di più: 450 sulle 2.198 che compongono la platea della filiera automotive in Italia, pari a 70mila addetti.

Più di quelli del Piemonte, la prima regione per numero di tute blu tra i fornitori con i suoi 60 mila metalmeccanici e non solo (in Italia sono 164 mila)

Ma nel farlo certificano un malessere crescente: quello della componentistica italiana nei confronti dello stop ai motori a scoppio nel 2035. (Corriere della Sera)

Su altri giornali

In altre parole, entro il 2035 i furgoni e le auto nuove in Ue dovranno essere a emissioni zero, con una forte accelerazione della decarbonizzazione tra il 2030 e il 2035. Il Consiglio è pronto a negoziare con il Parlamento sul pacchetto, che porrà l’Ue più che mai all’avanguardia nella lotta al cambiamento climatico" (Adnkronos)

È ufficiale: dal 2035 si dirà addio alle auto endotermiche nell’Unione Europea. Ma in Italia c’è da fare i conti con la situazione attuale che non la vede al momento prontissima. (Auto.it)

Le aziende in questione, comunque, potrebbero continuare a lavorare per assicurare i ricambi, assicurando la reperibilità anche nel decennio successivo allo stop. (Fanpage.it)

Per chi lavora nel settore, vendendo veicoli elettrici o non, è pura fantascienza. “Secondo me non ci arriveremo mai allo stop di auto a benzina e diesel”, commenta Niccolò Brandini, titolare del gruppo Brandini spa. (LA NAZIONE)

Biocarburanti: come vengono prodotti, classificazione. Un biocarburante è un combustibile che si ottiene attraverso un processo che prende il carbonio inorganico, presente principalmente sotto forma di CO2 e lo trasforma in composti organici. (Money.it)

La clausola, talvolta chiamata 'emendamento Ferrari', andrà a beneficio in particolare dei marchi del lusso. Queste misure devono ora essere negoziate con i membri del Parlamento europeo (l'Adige)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr