Incendio all'Oasi felina di Pianoro: strage di gatti

Incendio all'Oasi felina di Pianoro: strage di gatti
Più informazioni:
il Resto del Carlino INTERNO

Essendo tutte strutture in legno l'incendio è divampato molto velocemente.

Già dalle prime ore del mattino i gestori e una fitta squadra di volontari stanno setacciando la zona per cercare i gatti fuggiti

Tutto è iniziato intorno alla mezzanotte e le fiamme sono state spente, del tutto, solo alle prime ore del mattino nonostante i pompieri abbiano lavorato instancabilmente tutta la notte.

È partito pare proprio nei pressi dell'infermeria per, poi, arrivare a lambire tutte le nuove strutture dell'oasi e le recinzioni metalliche. (il Resto del Carlino)

Ne parlano anche altre fonti

Gran parte della struttura è andata letteralmente distrutta perchè le fiamme hanno divorato la sezione dedicata al magazzino e all'infermieria, prima che arrivassero i soccorsi. Abbiamo bisogno di guardarci in faccia tra noi volontari e di avere un momento per riflettere sui prossimi passi da fare (BolognaToday)

L’Oasi felina di Pianoro distrutta dalle fiamme. La ripartenza grazie a una raccolta fondi Per riuscire a rimettere in piedi la struttura adesso viene chiesta una mano (Corriere della Sera)

Così, in un post sulla pagina Facebook, i responsabili del gattile di via Fondovalle Savena, sul primo Appennino bolognese, hanno raccontato l'incendio che la scorsa notte ha devastato la struttura. (La Stampa)

Distrutta dalle fiamme l'oasi felina di Pianoro: otto gatti morti carbonizzati

Forse c'è un cortocircuito alla base dell'incendio divampato all'interno di una oasi felina di Pianoro, nell’hinterland di Bologna, dove sono morti dei gatti. Tantissimi dei gatti rimasti in Oasi sono al freddo. (Today.it)

Quelli che sono rimasti "sono al freddo", raccontano i volontari di "una zampa sul cuore". Non si conoscono ancora le cause dell'incendio: "Dalle telecamere di sicurezza non si notano figure che si avvicinano durante la notte. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr