Evasione: conti correnti sotto l’occhio del Fisco

Wall Street Italia ECONOMIA

In base allo schema di decreto sul redditometro posto in pubblica consultazione dal MEF, in particolare verrà valutata anche la capacità di risparmio, considerata come parte di reddito non utilizzata per consumi e investimenti

Lo strumento utilizzato dall’Agenzia delle entrate per controllare i conti correnti è l’Anagrafe dei rapporti finanziari (o Anagrafe dei conti correnti).

Prelievi e bonifici, saldo e giacenza media, uso delle carte di credito e delle carte di debito, eventuale deposito di titolo e di altri strumenti finanziari sono sotto l’occhio vigile del Fisco che effettua i controlli dei nostri conti correnti. (Wall Street Italia)

Su altre testate

Ma come si passa dal tenore di vita al recupero per evasione? rette di ogni tipo, detersivi, pentole, biglietti del bus, giocattoli, libri scolastici, pezzi di ricambio auto, alimentari, abbigliamento, viaggi. (Nicola Porro)

Draghi vuole reintrodurre il Redditometro. Mario Draghi sembra intenzionato a rispolverare il Redditometro, lo strumento bloccato nel 2018 utilizzato per tenere d’occhio i redditi dei contribuenti e le relative capacità contributive. (I-Dome.com)

Gli accertamenti fiscali non devono assumere le sembianze di una persecuzione e la lotta all'evasione va combattuta riducendo la pressione fiscale, non col redditometro». Per ora il ministero dell'Economia e delle Finanze ha avviato una consultazione sul decreto (scadrà il 15 luglio) che dovrebbe indicare i nuovi criteri che fissano la capacità fiscale dei cittadini. (Liberoquotidiano.it)

L’obiettivo del redditometro è quello di sempre: misurare la capacità di spesa delle famiglie in relazione ai redditi dichiarati. Se la strada è la minumim tax globale potrebbe apparire illogico affrontare il futuro attraverso il redditometro che guarda al passato con gli occhi di oggi solo per ragioni di cassa (Il Sussidiario.net)

Quest’ultimo si presenta come uno strumento volto ad accertare il livello di reddito delle persone e verificare eventuali movimenti sospetti. Brutte notizie in arrivo per molti contribuenti che a breve potrebbero ritornare a dover fare i conti con l’incubo redditometro, rischiando così di chiudere i battenti. (ContoCorrenteOnline.it)

Così facendo, consentiremmo un’iniezione di liquidità per 5,5 milioni di attività e milioni di contribuenti. Rateizziamo il secondo acconto delle tasse – Irpef, Ires e Irap – da gennaio a giugno 2022. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr