Pignoramenti mirati: il Fisco vuole entrare nei conti correnti

QuiFinanza ECONOMIA

A monte una considerazione: la comunicazione dei saldi dei conti correnti da parte delle banche all'anagrafe dei conti correnti, avviene una sola volta l'anno, il 15 febbraio dell'anno successivo a quello a cui si riferiscono le informazioni.

"Attualmente", si legge nel documento, "buona parte dei pignoramenti non raggiunge alcun risultato, perché i conti correnti dei debitori sottoposti a pignoramento non sono capienti o, addirittura, non hanno un saldo attivo". (QuiFinanza)

Ne parlano anche altri media

Da qui la necessità di poter accedere all'Anagrafe dei rapporti finanziari, così da verificare in anticipo "quali dei soggetti iscritti a ruolo (18 milioni in tutto) siano intestatari di rapporti finanziari capienti per procedere ai conseguenti pignoramenti" . (ilGiornale.it)

Il primo è proprio questo: la possibilità di agire sui conto corrente per eseguire pignoramenti chirurgici nei confronti dei debitori. Pignoramento del conto corrente a colpo sicuro. La scelta strategica è dettagliata in un documento. (The Wam.net)

Una delle proposte è rendere maggiormente “incisivi” gli strumenti che sono a. Così il ministero dell’Economia ha messo nero su bianco una proposta di riforma della riscossione coattiva per provare a scalare la montagna dell’arretrato, buona parte del quale, ammette lo stesso ministero, è ormai da considerare inesigibile. (ilmattino.it)

Il Fisco sarà presto autorizzato a spiare in tempo reale i conti correnti e procedere con i pignoramenti. Spesso i conti correnti dei contribuenti sottoposti a pignoramento non sono capienti e non contengono le cifre per poter rimborsare il debito (ContoCorrenteOnline.it)

Si tratta di un’enorme banca dati che contiene tutti i dati contabili (saldo e movimenti) di chiunque abbia un conto corrente o di deposito. Come spiega laleggepertutti, l’anagrafe dei rapporti istituito presso l’anagrafe tributaria è alimentata dalle comunicazioni periodiche degli operatori finanziari. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr