Valle d'Aosta in zona rossa per i tanti tamponi alla Cogne? L'azienda nega

Valle d'Aosta in zona rossa per i tanti tamponi alla Cogne? L'azienda nega
Aosta Oggi INTERNO

L'azienda nega. L'acciaieria è sospettata di aver contribuito a far salire i numeri dei contagi, ma lo stabilimento smentisce: "i nostri test non incidono sul sistema regionale". AOSTA.

Valle d'Aosta in zona rossa per i tanti tamponi alla Cogne?

Come da prassi, in caso di positività ai test antigenici effettuati in autonomia viene disposta la verifica con i tamponi molecolari.

L'azienda quindi respinge la ricostruzione secondo la quale avrebbe riversato tutte insieme nel sistema regionale le positività dei suoi dipendenti facendo salire l'incidenza oltre la soglia della zona rossa

Il ritorno in zona rossa della Valle d'Aosta dopo una sola settimana di arancione ha fatto scattare la caccia ai possibili responsabili dell'aumento dei contagi. (Aosta Oggi)

Su altre testate

Se siamo in zona rossa la colpa è nostra e solo nostra, non è solo una questione di colore, le aziende, le attività, sono chiuse. Non sarà facile prepararsi per la stagione estiva con l’incognita di quello che sarà (Valledaostaglocal.it)

C’è tanta disperazione, gli imprenditori vogliono lavorare anziché avere sussidi che, comunque, finiscono. Però ancora non è detto, perché c’è una posizione forte della Valle d’Aosta e di conseguenza potremmo sfruttare questa scia. (Casteddu Online)

Valle d'Aosta, «qui l'obiettivo non è il pizzo ma la ricchezza del sistema pubblico»

L’uscita di Morelli e D’Introno non aiuta: “Loro sono dipendenti a tempo indeterminato – aggiunge Nuti – e ricevono un nulla osta per un’aspettativa temporanea. Il Sindaco spiega: "È prevista l’assunzione di oltre 40 dipendenti, a luglio avremo già qualche forza in più”. (AostaSera)

Emerge dal racconto in aula della Procura generale che cita anche il maxiprocesso «Minotauro» e altre indagini sulla criminalità organizzata in Piemonte e in Valle d’Aosta commentando la presenza della ‘ndrangheta come «la farsa della normalità». (Corriere della Calabria)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr