Vaccini Covid, anticipo seconde dosi sul portale regionale dal 21 luglio

Vaccini Covid, anticipo seconde dosi sul portale regionale dal 21 luglio
Valdelsa.net SALUTE

L’anticipo delle seconde dosi di Astra interesserà circa 60mila over 60, pronti a ricevere la seconda dose in agosto.

Una persona deceduta. Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie. Pubblicato il 19 luglio 2021

Potranno farlo, se vorranno, a partire dalle ore 12 di mercoledì 21 luglio, quando il portale online regionale consentirà loro di anticipare in automatico la data della somministrazione della seconda dose, già programmata nel mese di agosto negli hub indicati. (Valdelsa.net)

Ne parlano anche altri media

Gli umbri che hanno ricevuto una sola dose di vaccino sono 537.492 mentre quelli che hanno completato la vaccinazione sono 377.392. Non si arriva al 20% del totale se si tiene in considerazione anche la fascia d’età 40-49 anni (34.900). (TerniToday)

L’obbligatorietà non sarebbe una forzatura indebita. Sotto il profilo giuridico è già prevista dalla nostra Costituzione ma con una legge che, pertanto, richiede il coinvolgimento del Parlamento. Il Pass Covid, tra “no vax”, “ni vax” e “a vax”. (Quotidiano Sanità)

Domenica in provincia di Verona sono state somministrate 7801 dosi tra Ulss 9 Scaligera e Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata, per un totale di 874288 dall'inizio della pandemia Sono 303202 i vaccini somministrati in tutto il Veneto la scorsa settimana. (VeronaSera)

Italia tra Covid e no vax, il sondaggio svela l’inquietante rapporto tra italiani e vaccini

Ecco perché chi non si vaccina rappresenta un problema per tutti. Del resto non esiste alcun vaccino efficace al 100 percento, ma i vaccini anti Covid risultano estremamente protettivi, soprattutto contro la forma grave dell'infezione e la morte (Scienze Fanpage)

C’è da dire che la nuova variante Delta sembrerebbe essere molto meno pericolosa, anche se più contagiosa, quindi alcuni no vax si sentono ulteriormente giustificati nella loro scelta. Forse non c’è da sorprendersi troppo, ma i dati sono davvero chiari, gli italiani hanno una consistente percentuale di no vax e col Covid il sentimento di odio verso i vaccini si è intensificato ulteriormente. (Investire Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr