Sorpresa DigiByte: vola sopra 0,10$ e torna in TOP 80

Criptovaluta.it ECONOMIA

Che cos’è DigiByte, il token nato da un fork di Bitcoin. Quella di DigiByte è una storia molto comune alle criptovalute nate prima del boom del 2018.

Negli ultimi giorni sono tantissimi i token PoW che hanno visto il loro valore crescere a dismisura

Partita come un clone di Bitcoin, DigiByte si è evoluta assomigliando, ogni giorno di più, a Ethereum, anche se con le dovute proporzioni.

Una mossa come abbiamo detto non esclusiva, ma che ai tempi riuscì ad attrarre diversi fuoriusciti dal maggiore progetto crypto del mondo. (Criptovaluta.it)

La notizia riportata su altre testate

Una scelta che, come riferisce il Guardian, ha avuto un forte impatto sulla moneta del paese, la lira turca, che è crollata drammaticamente. n Turchia, nell'ultimo mese, c'è stata un'accelerazione delle criptovalute: numerosi investitori, ma anche semplici imprenditori, si sono infatti affidati ai bitcoin (Ticinonline)

Siamo ancora molto lontani da quelli che sono stati i massimi di valore del progetto, ottenuti poco dopo l’esordio sui mercati, quando il progetto era ancora in beta. Bisogna al contrario approcciarsi con estrema cautela ad un progetto che ha dimostrato, storicamente, una certa volatilità (Criptovaluta.it)

Al centro, almeno nell’originalità del progetto, l’abbandono del PoW di Bitcoin che favorisce, come è noto, macchine per il mining specializzate. Oggi Ravencoin è un progetto solido, che è quotato presso moltissimi exchange e che continua a migliorare la sua penetrazione commerciale (Criptovaluta.it)

Secondo alcuni analisti «Coinbase è un tassello fondamentale dell’ecosistema delle criptovalute e un barometro della crescente tendenza all’adozione del Bitcoin e delle criptodivise nei prossimi anni». (Corriere della Sera)

Le criptovalute sono monete virtuali create, distribuite e scambiate attraverso la rete con una tecnologia ‘peer to peer’ basata su un sistema blockchain. L’obiettivo del governo di Pechino sarebbe quello di posizionare la sua moneta digitale per un uso internazionale, sfidando di fatto il dollaro (ISPI)

In pochi minuti sfondato il tetto prima dei 400 e poi dei 420 dollari. In apertura le azioni prezzano 381 dollari, 130 in più rispetto al valore di riferimento a ridosso del debutto. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr