Automotive, a novembre è crisi nera: tutti i numeri del crollo

QuiFinanza ECONOMIA

L’indice fa registrare un calo del 25 per cento rispetto a novembre 2020 e del 31 per cento sullo stesso periodo del 2019.

Un tema assai sensibile per il comparto visto che la legge di Bilancio 2022 non prevede misure a sostegno del mercato auto.

Cedono parecchio da inizio anno anche altre grandi multinazionali come la casa automobilistica tedesca Ford, le giapponesi Honda e Nissan

È crisi nera per il mercato delle auto, che nel mese di novembre in Italia ha registrato solamente 104.478 immatricolazioni. (QuiFinanza)

Ne parlano anche altre fonti

"Club Motori", news, prove su strada e tutte le principali novità sul mondo dell'automotive, oltre a offerte in esclusiva per la community di Quattroruote (1 invio/settimana). "In Edicola", la newsletter di presentazione del numero in uscita in edicola con anteprime e approfondimenti (1 invio/mese). (Quattroruote)

A pesare sulla crisi del mercato auto non solo la pandemia, ma anche la carenza di semiconduttori. Gli ultimi dati di Novembre sono sempre più preoccupante e testimoniano come il mercato delle automobili sia sempre più in crisi, anche di rifornimenti per realizzare nuove automobili. (iLoveTrading)

Sesto posto per Citroen C3, prima francese in Italia per numero di unità vendute (2.673 immatricolazioni a novembre 2021). Uno dei SUV più venduti, con 2.994 immatricolazioni il mese scorso. (Virgilio Motori)

Il mercato automobilistico tedesco continua a non dare segnali di ripresa. Cifre un po’ più consistenti invece per Fiat, che nell’undicesimo mese dell’anno ha fatto segnare una decrescita del 16,9%. (FormulaPassion.it)

Con 104.478 immatricolazioni, il mercato italiano dell'auto ha chiuso il mese di novembre in calo del 24,6% rispetto allo stesso mese del 2020. Il nuovo passivo è legato alla crisi dei semiconduttori, ma anche alla mancanza d'incentivi, i cui fondi sono andati esauriti ben prima della naturale scadenza, prevista per il 31 dicembre. (Quattroruote)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr