Stop agli spostamenti tra regioni fino al 31 marzo

Stop agli spostamenti tra regioni fino al 31 marzo
La voce di Rovigo INTERNO

Ma nelle riunioni di oggi a Palazzo Chigi si sarebbe valutato di prorogare lo stop agli spostamenti, indipendentemente dall'area di rischio, e sarebbe questa la linea che dovrebbe essere adottata nel Cdm in programma lunedì mattina alle 9.30

L'ipotesi che circolava negli ultimi giorni era quella di uno slittamento fino al 5 marzo, quando sarebbero scadute anche le altre misure anti-Covid.

Stop agli spostamenti tra le regioni fino al 31 marzo: secondo quanto si apprende è ciò che il governo sta valutando. (La voce di Rovigo)

Su altri giornali

Nei giorni scorsi era circolata l’ipotesi di uno slittamento fino al 5 marzo, quando sarebbero scadute anche tutte le altre misure anti contagio. Ma secondo quanto riporta l’Adnkronos, il governo sarebbe orientato a prorogare lo stop agli spostamenti tra regioni fino al 31 marzo. (Virgilio Notizie)

Il Cdm non dovrebbe prendere altri provvedimenti anche se le Regioni ieri hanno chiesto di nuovo una messa a punto dei meccanismi che determinano il colore “anti-Covid” delle Regioni stesse. Attualmente lo stop è fissato fino al 25 febbraio. (Corriere Adriatico)

E' fissato per lunedì il Consiglio dei ministri che affronterà il nuovo decreto sulle misure di contenimento. Sulla necessità di evitare continui cambi di colore invece le Regioni concordano, così come sulla richiesta di "cambiare passo" nella campagna vaccinale. (L'Unione Sarda.it)

Spostamenti tra regioni: verso la proroga del divieto anche per le zone gialle?

Covid, Draghi pronto a prorogare lo stop agli spostamenti tra Regioni Restrizioni estese fino al 5 marzo, anche se c’è chi chiede di arrivare fino al 31. L’ipotesi su cui si ritrovano tutti i governatori è di individuare misure omogenee evitando di cambiare colori e quindi regole di settimana in settimana. (Il Sole 24 ORE)

Zone gialle, arancioni e rosse: le richieste delle Regioni. Dalla Conferenza delle Regioni i governatori hanno deciso di avanzare delle richieste al governo Al momento c’è un divieto nazionale, a prescindere dal colore. (QuiFinanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr