Nuovo tonfo per le azioni Evergrande dopo mancato pagamento cedola

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

1' di lettura. (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Nuovo tonfo di Evergrande alla Borsa di Hong Kong.

Pechino non sembra intenzionata a correre in soccorso del gigante immobiliare indebitato per 300 miliardi di dollari ma la Banca centrale è intervenuta anche oggi per stabilizzare il sistema iniettando altri 70 miliardi di dollari

Tecnicamente il default viene dichiarato trascorsi 30 giorni dal mancato pagamento, ma alle autorità locali è stato chiesto di prepararsi comunque al peggio. (Il Sole 24 ORE)

Ne parlano anche altre fonti

Ma mentre un salvataggio statale è fuori discussione, come si è detto, la Cina vuole anche evitare un crollo incontrollato I detentori di azioni potrebbero venire letteralmente spazzati via dal gigantesco crac, mentre gli obbligazionisti, dal canto loro, si stanno già strappando i capelli. (L'HuffPost)

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

I dirigenti di Evergrande, pompatissimi, avevano cominciato a fare diverse promesse anche nel campo degli investimenti automobilistici. Alcuni analisti definiscono il crollo finanziario del colosso immobiliare Evergrande come un possibile terremoto per i mercati, prossimo per entità a quello di Lehman Brothers nel 2008. (FormulaPassion.it)

Stando a indiscrezioni, il Governo di Pechino avrebbe avvertito i funzionari pubblici di prepararsi “alla possibile tempesta” in riferimento a Evergrande. Intanto, Wall Street ha chiuso in rialzo, più rasserenata dopo la decisione della Fed. (Money.it)

Con l’aumentare del debito e il crollo del valore delle azioni, la società continuava a pagare dividendi che finivano nelle tasche del suo presidente, fondatore e azionista di maggioranza, incurante di quanto stava avvenendo. (Money.it)

Su quest'ultimo fronte una rassicurazione per l'Europa è arrivata dal presidente della Bce, Christine Lagarde. La giornata prende il via in territorio negativo per le principali Borse europee, nonostante la chiusura positiva di Wall Street e della Borsa di Tokyo. (Finanzaonline.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr