Ecco chi sono i rapinatori uccisi a Grinzane Cavour. Avevano una pistola finta. Indagato il gioielliere

Ecco chi sono i rapinatori uccisi a Grinzane Cavour. Avevano una pistola finta. Indagato il gioielliere
Unione Monregalese INTERNO

Il titolare è indagato dalla Procura di Asti. . Mario Roggero, chiuso in casa, ha risposto al citofono agli operatori del TG1 dichiarando: «Non provo niente.

Ora è indagato dalla Procura di Asti per omicidio colposo per eccesso colposo di difesa: un atto dovuto, nelle indagini

Questa la prima ricostruzione che emerge dalla Procura di Asti su quanto accaduto ieri alla gioielleria "Roggero" a Gallo di Grinzane Cavour nella nota a firma del procuratore dott. (Unione Monregalese)

Se ne è parlato anche su altri media

Leggi anche: All’indomani dalla tragica tentata rapina, il racconto della serata da Far West vissuta nella via centrale del Gallo si mescola ai commenti di vicinanza per il gioielliere che ha reagito all’ennesima violenza subita uccidendo due dei rapinatori e ferendo il terzo. (La Stampa)

Sono convinto che se l'arma fosse stata vera l'avrebbe usata, e non è possibile continuare a tollerare episodi del genere» «Il proprietario della gioielleria - avrebbe dichiarato l'uomo- stava per diventare un mio cliente, lo avevo già contattato per lavorare insieme. (leggo.it)

“Io avrei fatto la stessa cosa”, dice un cittadino che ha mostrato piena solidarietà al gioielliere. (aggiornamento di Davide Giancristofaro). (Il Sussidiario.net)

RAPINA CUNEO: GIOIELLIERE UCCIDE LADRI/ Salvini 'offerto supporto morale e legale'

Il negozio era stato già preso di mira sei anni fa e l’orefice selvaggiamente picchiato. Il signor Mario Roggero, che compirà 67 anni il 5 maggio, non avrebbe mai ucciso nessuno (Il Sussidiario.net)

L’uomo, ricoverato all’ospedale "Santissima Annunziata" di Savigliano, è infatti formalmente indagato per rapina in concorso "Non abbiamo ancora ricevuto l'avviso di garanzia, ma il mio assistito ritiene comunque di aver fatto quanto necessario per salvare la sua vita e quella dei suoi familiari. (TargatoCn.it)

«Io ho in mente soltanto il rumore dello sparo. Ho sentito il colpo, non potevo sapere che era una pistola giocattolo. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr