Muore dopo seconda dose di Pfizer nel parcheggio del centro vaccinale

Come Don Chisciotte ECONOMIA

Il defibrillatore posizionato dallo stesso team, ha purtroppo rilevato (così come per tutta la durata dell’intervento) un ritmo non defibrillabile.

imolaoggi.it. Anziana di 91 anni muore per arresto cardiocircolatorio nel parcheggio del centro vaccinale di Villorba: è successo oggi 8 maggio alle ore 11.

Per approfondire le cause del decesso l’Ulss 2 ha chiesto l’autopsia

L’anziana, sottoposta un’ora prima alla seconda dose di vaccino Pfizer, era in attesa che anche la figlia fosse sottoposta a vaccinazione. (Come Don Chisciotte)

Se ne è parlato anche su altre testate

Le condizioni della 23enne a ieri sera erano buone e la ragazza lamentava soltanto un po’ di mal di testa: sottoposta a una terapia di fluidi e tachipirina, viene tenuta sotto controllo. Nelle prossime ore è attesa una nota della Asl Toscana Nord ovest per chiarire cosa sia accaduto (NoiTV - La vostra televisione)

Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ospite della trasmissione Mezz’ora in più di Lucia Annunziata su Rai Tre. Con l’intesa che entro aprile si recuperasse per la Campania con le dosi in meno che abbiamo ricevuto (Salernonotizie.it)

Il prolungamento dell’intervallo non espone a rischi maggiori rispetto a prima in quanto la copertura della prima dose viene giudicata valida almeno al 90%. Nulla cambierà per chi ha già fatto la prima dose di vaccino Pfizer o Moderna: la seconda, come gli era stato annunciato, sarà rispettivamente dopo 21 e dopo 28 giorni. (ArezzoNotizie)

Non tanto per l’attuale stato della sua salute, quanto per il fatto che – a oggi – non sembra essere mai avvenuta un’inoculazione di sei dosi di vaccino. E lì le viene detto una cosa che mai avrebbe osato immaginare: "Abbiamo sbagliato, ci dispiace. (LA NAZIONE)

Raggiunte, ad ora, 2.276.057 somministrazioni, di cui 1.527.583 prime dosi, pari al 31,55% della popolazione target e 748.474 seconde dosi, pari al 15,46%» È importante prenotare i primi slot disponibili. (La Stampa)

"Non ci sono in questo momento sufficienti basi scientifiche che giustifichino" l'estensione a 42 giorni dell'intervallo tra la prima e la seconda dose dei vaccini anti-Covid a mRna (Pfizer/BioNTech e Moderna). (MilanoToday.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr