La paralisi crudele di uno stato fallito

La paralisi crudele di uno stato fallito
La Stampa ESTERI

Cento giorni fa i talebani si sono ripresi l’Afghanistan, entrando in Kabul mentre diecimila soldati stranieri erano ancora in aeroporto impegnati a evacuare il maggior numero possibile di collaboratori afghani.

Cento giorni sono pochi per stilare giudizi seri, ma qualche conclusione preliminare è doverosa, ancorché sconfortante

(La Stampa)

Su altre testate

Questo avviene ogni qual volta il nemico viene tratteggiato come una delle figure del Male assoluto. Cento giorni dopo il disastro il problema è irrisolto: trattare con il diavolo talebano? (La Stampa)

Bambini denutriti, donne cancellate, nove milioni di afghani in carestia: 100 giorni di taleban
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr