Turchia, la Banca centrale cede a Erdogan e taglia i tassi. Lira a picco

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

2' di lettura. La Banca centrale turca cede alle pressioni di Erdogan.

Le attese erano per una conferma del tasso di riferimento al 19 per cento.

Si tratta del primo taglio del costo del denaro dal maggio 2020 che pone fine a un ciclo di aumenti dei tassi durato 12 mesi

L’Istituto ha inaspettatamente tagliato il suo tasso chiave pronti contro termine a una settimana di 100 punti base al 18%.

Lo ha comunicato la Banca centrale al termine del suo meeting di politica monetaria. (Il Sole 24 ORE)

Su altre testate

E tra gli strumenti per tornare in alto nei sondaggi c’è quello di guidare le scelte della banca centrale Cosa ha deciso sui tassi la banca centrale turca. L’istituto centrale turco ha ridotto il suo tasso chiave pronti contro termine a una settimana di 100 punti base al 18%. (Money.it)

Sta di fatto che dovremmo attenderci variazioni per i bond turchi. Se ciò facesse salire i rendimenti americani, la concorrenza dei bond USA crescerebbe e almeno per mantenere gli spread invariati, i bond turchi dovrebbero offrire rendimenti a loro volta maggiori, chiaramente passando per un deprezzamento (InvestireOggi.it)

"Gli indicatori mostrano che l'attività economica interna rimane forte nel terzo trimestre, con l'aiuto di una robusta domanda estera", ha detto la banca. Il taglio dei tassi "ha distrutto la credibilità che il governatore della banca centrale, Sahap Kavcioglu, aveva costruito negli ultimi sei mesi", conclude l'economista (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr