Tre maratone al top per Kelvin Kiptum, ma nel 2024 doveva...

Tuttosport SPORT

Non ci si crede, no, non può essere vero. Il migliore, il più atteso in questo 2024, il più grande del 2023, colui che tutti pensavano fosse l’uomo del grande record , ovvero l’andare sotto il muro delle 2 ore in maratona se n’è andato. No, non si fa così, non è giusto così. Un terribile incidente d’auto lungo la strada che da Eldoret conduce a Kaptagat nella notte keniana ce l’ha portato via, spezzando la sua giovane vita di uomo, ancor prima che atleta, e svegliandoci da questo grande sogno che tutti gli amanti della grande atletica e delle immense prestazioni agonistiche riservavamo in lui. (Tuttosport)

Su altre fonti

Lo ha annunciato il ministro dello Sport, Ababu Namwamba, dopo essersi consultato con la famiglia del 24enne atleta defunto. Il maratoneta keniano Kelvin Kiptum, detentore del record mondiale della specialità, morto domenica notte in un incidente stradale nel suo Paese, sarà onorato in patria con funerali di Stato. (La Gazzetta di Mantova)

Il mondo dello sport è sconvolto per una notizia tragica: alle 23:00 di domenica scorsa, Kelvin Kiptum è morto sul colpo a causa di un incidente stradale in Kenya. Il keniota era al volante della sua auto, della quale ha perso il controllo, finendo contro un albero: morto sul colpo anche il suo allenatore Gervais Hakizimana, il quale era al suo fianco. (Tuttofrosinone)

ATLETICA LEGGERA L'annuncio è stato dato dal titolare del dicastero Ababu Namwamba che ha assecondato la volontà della famiglia di ricordare il campione di maratona con delle esequie pubbliche (Sport Mediaset)

Nella storia della maratona nessun atleta è mai riuscito a fermare il cronometro sotto le 2 ore, il keniota Kelvin Kiptum aveva questa meravigliosa idea dopo il pazzesco crono di 2 ore e 35 secondi (record mondiale) firmato a Chicago nell'ottobre 2023, una meravigliosa idea che aveva nella maratona di Rotterdam (aprile) e nelle Olimpiadi di Parigi le grandi occasioni. (ilGiornale.it)

Se n’è andato, vittima di un incidente stradale, insieme al suo allenatore, a una manciata di settimane dalla sua consacrazione assoluta, della sua immortalità sportiva. (Avvenire)

Nelle scorse ore si è diffusa la notizia della scomparsa di uno dei più grandi talenti del mondo dello sport. Si tratta di un atleta molto giovane, appena 24enne, che era in rampa in lancio nella sua disciplina e da molti addetti ai lavori era indicato come uno dei più promettenti nel futuro prossimo. (Rompipallone – News sul calcio nazionale e internazionale)