Appalti truccati e mascherine sottratte alla rsa: arrestato il sindaco di Opera Antonino Nucera

Appalti truccati e mascherine sottratte alla rsa: arrestato il sindaco di Opera Antonino Nucera
Giornale dei Navigli INTERNO

Nel corso dell’operazione sono stati, inoltre, notificati una misura interdittiva a un architetto bresciano consulente del Comune di Opera e un decreto di sequestro preventivo di 40mila euro (prezzo della corruzione) a carico dei pubblici ufficiali indagati, nonché di due autocarri utilizzati nella commissione di reati ambientali.​ ​

L’inchiesta. L’inchiesta – coordinata dai Procuratori Aggiunti, Alessandra Dolci e Maurizio Romanelli, e dai Sostituti Silvia Bonardi e Stefano Civardi, e condotta dal Nucleo Investigativo di Milano – è stata avviata nel febbraio 2020 per far luce su presunti illeciti posti in essere dalla amministrazione comunale. (Giornale dei Navigli)

La notizia riportata su altri media

Mentre il mondo intero travolto dal Coronavirus cercava disperatamente mascherine chirurgiche, il sindaco Antonino Nucera dirottava le forniture della Protezione civile direttamente ai suoi uffici. (Stampalibera.it)

Lavori per un valore complessivo di oltre 40 mila euro ora sequestrati dai carabinieri che, questa mattina, hanno anche notificato una misura interdittiva a un architetto bresciano consulente del Comune di Opera In cambio gli imprenditori finiti agli arresti avrebbero ristrutturato gratuitamente l’appartamento acquistato dalla compagna del sindaco, nonché capo dell’ufficio tecnico del Comune. (La Stampa)

Mascherine per le Rsa distribuite ad amici e parenti, sindaco calabrese arrestato al Nord

Terremoto in comune a Opera. All'alba di giovedì 8 aprile i carabinieri del comando Provinciale di Milano hanno arrestato il sindaco di Opera, Antonino Nucera, una dirigente dell'ufficio tecnico comunale e tre imprenditori del settore edile. (MilanoToday.it)

Dalle indagini è emerso come, nell’arco temporale febbraio – ottobre 2020, il primo cittadino di Opera, con l’adesione incondizionata della dirigente dell’Ufficio Tecnico e l’accondiscendenza di alcuni funzionari e consulenti dell’Ente, abbia sistematicamente interferito in alcune procedure di gara bandite da quel Comune per orientare l’assegnazione di lavori pubblici in favore di imprenditori conniventi, ricevendo da questi ultimi sostanziose utilità. (Zoom24.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr