Dal 30 giugno 2022 scattano le sanzioni per mancata accettazione dei pagamenti elettronici

Ipsoa INTERNO

Il riconoscimento di tale credito è previsto in misura variabile dal 70 al 10 per cento a seconda dell’ammontare dei ricavi conseguiti dal contribuente

Tale credito d’imposta spetta in relazione ai costi di acquisto o di noleggio sostenuti e può essere fatto valere entro il limite massimo di 160 euro.

Dal 30 giugno i commercianti e i professionisti che rifiuteranno di ricevere i pagamenti delle transazioni con carte di debito, carte di credito o carte prepagate subiranno l’irrogazione di una specifica sanzione. (Ipsoa)

Su altri giornali

Dal 30 giugno scattano le multe per gli esercenti che non accettano i pagamenti elettronici. L’entrata in vigore della sanzione era previsto per il 1° gennaio 2023 ma è stata anticipata dal decreto legge 34 del 2022 al prossimo giugno. (Investing.com Italia)

In Italia questa libertà non esiste più, gli ultimi governi hanno imposto per legge a esercenti e cittadini l'utilizzo della moneta elettronica, facendo un grandissimo regalo a chi la gestisce" Poi la stessa Meloni ha aggiunto: "Ognuno dovrebbe decidere in libertà se utilizzare o meno la moneta elettronica, con tutti i costi che si porta dietro. (Liberoquotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr