Coinbase, vola nei primi scambi a Wall Street. In pochi minuti oltre i 420 dollari, quasi il doppio rispetto…

Il Fatto Quotidiano ECONOMIA

In pochi minuti sfondato il tetto prima dei 400 e poi dei 420 dollari.

Toccano un massimo di 424 e poi iniziano a scendere perdendo oltre il 20% in meno di un’ora.

DI rimando la capitalizzazione della piattaforma (ossia il valore della società sul mercato) supera i 100 miliardi di dollari e poi torna in zona 80 miliardi.

In scia alle attese per lo sbarco sul Nasdaq il bitcoin ha aggiornato il suo record sfiorando i 65mila dollari

In apertura le azioni prezzano 381 dollari, 130 in più rispetto al valore di riferimento a ridosso del debutto. (Il Fatto Quotidiano)

La notizia riportata su altri media

Siamo ancora molto lontani da quelli che sono stati i massimi di valore del progetto, ottenuti poco dopo l’esordio sui mercati, quando il progetto era ancora in beta. La sua culla è l’Asia Orientale, dove il token ha una diffusione già molto importante e dove sono in moltissimi gli sviluppatori che vi si dedicano anima e cuore. (Criptovaluta.it)

Che cos’è DigiByte, il token nato da un fork di Bitcoin. Quella di DigiByte è una storia molto comune alle criptovalute nate prima del boom del 2018. Negli ultimi giorni sono tantissimi i token PoW che hanno visto il loro valore crescere a dismisura (Criptovaluta.it)

Disponibile anche il supporto, a livello tecnico, per asset unici, che ricordano molto da vicino il mondo dei non fungibile token. Oggi Ravencoin è un progetto solido, che è quotato presso moltissimi exchange e che continua a migliorare la sua penetrazione commerciale (Criptovaluta.it)

Coinbase: le criptovalute sbarcano a Wall Street

Secondo alcuni analisti «Coinbase è un tassello fondamentale dell’ecosistema delle criptovalute e un barometro della crescente tendenza all’adozione del Bitcoin e delle criptodivise nei prossimi anni». (Corriere della Sera)

Le criptovalute sono monete virtuali create, distribuite e scambiate attraverso la rete con una tecnologia ‘peer to peer’ basata su un sistema blockchain. L’obiettivo del governo di Pechino sarebbe quello di posizionare la sua moneta digitale per un uso internazionale, sfidando di fatto il dollaro (ISPI)

Queste turbolenze economiche non hanno lasciato gli imprenditori con le mani in mano, anzi, hanno portato a un'impennata nel trading di criptovalute del paese. n Turchia, nell'ultimo mese, c'è stata un'accelerazione delle criptovalute: numerosi investitori, ma anche semplici imprenditori, si sono infatti affidati ai bitcoin. (Ticinonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr