L’astronauta Maurizio Cheli dallo spazio all’Everest: “Mai mettere limiti ai propri desideri”

L’astronauta Maurizio Cheli dallo spazio all’Everest: “Mai mettere limiti ai propri desideri”
La Stampa ESTERI

Lo spazio lo avevo raggiunto dopo anni di duro addestramento e con un mezzo.

Più della missione spaziale?

Non ho tuttavia mai smesso di occuparmi di spazio, anche come componente del CdA dell’Agenzia Spaziale Italiana

Maurizio Cheli, classe 1959, modenese di Zocca e torinese d’adozione, 25 anni fa partiva per lo spazio per una delle missioni più lunghe e complesse del Programma Shuttle.

Maurizio Cheli, 25 anni dopo la missione sul Columbia, di cosa si occupa oggi?

(La Stampa)

Ne parlano anche altre testate

Sono passati quasi vent’anni da quando l’infermiera Hayley Arceneaux sconfisse il cancro da bambina; adesso lo stesso ospedale che la curò e per il quale ora lavora l’ha scelta per un viaggio nello spazio previsto per la fine di quest’anno. (Notizie.it )

Battuto anche il record della compianta americana Sally Ride, prima astronauta della Nasa nel 1983 quando aveva 32 anni. Hayley Arceneaux sarà anche la prima astronauta considerata disabile, perché uno dei suoi femori è di titanio. (Il Messaggero)

Spazio, guarita da un tumore, sarà presto in orbita la più giovane astronauta americana

La prima persona ad essere selezionata per questa missione senza precedenti, chiamata Inspiration4 e prevista per la fine del 2021, è proprio Hayley. I "turisti dello Spazio" voleranno su un'orbita terrestre bassa compiendo un giro completo sopra la Terra ogni 90 minuti (Rai News)

L'obiettivo della missione è raccogliere fondi per l'ospedale St. Jude, che cura gratuitamente bambini malati: la cifra da raggiungere è 200 milioni di dollari. Hayley Arceneaux, che lavora al St. Jude da due anni, sarà il medico di bordo. (RTL 102.5)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr