AstraZeneca, l'infettivologo: «La malattia dà molti più rischi del vaccino»

Centropagina ECONOMIA

«Se c’è una correlazione nei soggetti più giovani con il vaccino AstraZeneca, sembra che il siero riesca a slatentizzare qualche problema che c’era in rarissimi soggetti.

Insomma, secondo l’infettivologo il vaccino non farebbe altro che «evidenziare prima qualcosa che sarebbe successo lo stesso».

Bisogna vedere se la percentuale rispetto alla popolazione normale varia: se c’è un aumento nei vaccinati c’è il sospetto che possa essere correlato al vaccino». (Centropagina)

Se ne è parlato anche su altri media

“Sostituire la seconda dose con qualche cosa di altro disponibile sul mercato è certamente peggio che fare una dose sola”, sostiene l’esperto. “AstraZeneca – ricorda – è stato progettato per una sola dose poi, con una decisione che stanno ancora pagando, hanno cambiato idea decidendo per le due dosi. (Orizzonte Scuola)

Dopo la prima dose di vaccino anti Covid con AstraZeneca, a detta del professor Massimo Galli, la possibile decisione di somministrare un vaccino diverso «dal punto di vista tecnico è una prospettiva abbastanza orripilante e non ha senso». (Open)

Ritorno in classe. Il ritorno in classe dei ragazzi delle superiori sembra imminente. Così, nonostante il Ministero della Salute raccomandi l’uso di AstraZeneca sopra i 60 anni, chi ha fatto la prima dose potrà fare anche la seconda, sempre con AstraZeneca, a prescindere dall’età. (Tecnica della Scuola)

Ma sempre meno persone ricorrono al vaccino AstraZeneca, da giorni alla ribalta della cronaca. “Noi siamo pronti a cominciare subito a vaccinare con il nuovo prodotto – conclude Costa – ovviamente aspetteremo le direttive organizzative” (Livesicilia.it)

Chi non vuole fare la seconda dose del vaccino si tenga la sola prima dose e faccia l'esame anticorpale per vedere se c'è una risposta. "AstraZeneca - ricorda - è stato progettato per una sola dose poi, con una decisione che stanno ancora pagando, hanno cambiato idea decidendo per le due dosi. (LiberoQuotidiano.it)

APPROFONDIMENTI . Per capire quale sia la situazione e le prospettive future sui vaccini, abbiamo parlato con il professor Massimo Galli, responsabile malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano. (ilmattino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr