Vaccini Pfizer contro il Covid, Usa ed Ema pronti all'uso sugli adolescenti

Vaccini Pfizer contro il Covid, Usa ed Ema pronti all'uso sugli adolescenti
Giornale di Sicilia SALUTE

L'Ema effettuerà una valutazione accelerata dei dati presentati, compresi i risultati di un ampio studio clinico in corso su adolescenti a partire dai 12 anni di età, al fine di decidere se raccomandare l'estensione dell'indicazione.

Il siero attualmente è autorizzato per l'uso in persone di età pari o superiore a 16 anni.

L'autorizzazione dei vaccini per i bambini è vista come un passo cruciale verso il raggiungimento dell'immunità di gregge

Anche altre aziende di vaccini, tra cui Moderna, Johnson & Johnson e Pfizer, stanno conducendo sperimentazioni su adolescenti. (Giornale di Sicilia)

Ne parlano anche altri giornali

Dottoressa Ruffilli, ha notato differenze nel modo di affrontare l’emergenza Covid fra gli Stati Uniti, dove abita da 14 anni, e l’Italia? La comunicazione non è stata delle migliori: per esempio, il vaccino Pfizer ha una copertura altissima, si parla del 90% abbondante; il 100% è impossibile, ma come con qualunque farmaco o vaccino (il Resto del Carlino)

Così 5000 persone (in tutte le Marche) verranno avvisate al telefono che dovranno aspettare un po’ Lo annuncia con una nota la Regione Marche: "Si è configurata una criticità sulla disponibilità di vaccino Pfizer in relazione alla gestione dei richiami nel corso di questa settimana. (il Resto del Carlino)

Tuttavia da sabato è previsto il ritorno a 12.000 inoculazioni al giorno» (QDM Notizie)

Pfizer, nel primo trimestre 4,8 miliardi i ricavi del vaccino

Attualmente è autorizzato per l'uso in persone di età pari o superiore a 16 anni. Contiene una molecola chiamata RNA messaggero (mRNA) con istruzioni per produrre una proteina, nota come proteina spike, naturalmente presente in SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. (InfermieristicaMente)

Nell’articolo viene citato un dato analogo, pubblicato in precedenza sul vaccino di Astrazeneca, per il quale risulta che l'efficacia nel ridurre la trasmissione dopo la prima dose è del 51%. (Gazzetta del Sud)

Guardando alle altre divisioni operative, il primo trimestre dell'anno ha visto una crescita di tutti i business del gruppo. L'oncologia ha portato a Pfizer 2,8 miliardi, in crescita annua del 18%, mentre l'unità malattie rare, con un fatturato di 824 milioni, ha messo a segno un incremento anno su anno del 29%. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr