Fondo perduto con autocertificazione - ItaliaOggi.it

Italia Oggi ECONOMIA

Sostegni alle partite Iva con una nuova autocertificazione, da inviare all'Agenzia delle entrate.

Addio ai codici Ateco, si guarderà, come requisito, alla partita Iva, rientrando così anche gli autonomi e i professionisti esclusi dai contributi a fondo perduto dei mesi precedenti.

Per la nuova tornata di fondi sarà richiesta una nuova autocertificazione dei requisiti in quanto il calcolo del parametro cambia

Cambia dunque il nome agli interventi di supporto per le imprese e le partite Iva. (Italia Oggi)

Ne parlano anche altri media

editato in: da. Arrivano le prime indicazioni sul decreto Sostegno che raccoglie il testimone dei precedenti decreti Ristori ed è in fase di ultimazione presso il ministero dell’Economia. (QuiFinanza)

I fondi per investimenti avranno un tetto di 5000 euro, mentre le spese di gestione saranno valutate nella misura del 40% fino a 2.000 euro Le imprese devono essere in situazione di regolarità contributiva e con il pagamento di tasse, tributi e tariffe comunali al 31 dicembre 2019. (Messaggero Veneto)

Contributi a fondo perduto, come compilare la dichiarazione dei redditi? Anche se i contributi a fondo perduto non concorrono alla formazione del reddito, vanno comunque evidenziati nella dichiarazione dei redditi. (Money.it)

Partite IVA con perdita di fatturato 2020 nel Decreto Sostegno, con indennizzi Covid anche per turismo e spettacolo e misure per lavoro e pace fiscale. (PMI.it)

Decreto Sostegno: in arrivo i nuovi contributi a fondo perduto. È da circa due mesi che le Partite Iva attendono contributi a fondo perduto per le chiusure di inizio anno, con il Ristori 5 ripreso in mano dal nuovo governo Draghi dopo la brusca interruzione dovuta alla crisi di governo e ribattezzato decreto Sostegno. (The Italian Times)

Sono molto orgogliosa, anche in questo caso, di essere tra i Comuni che vogliono sostenere con risorse proprie le nostre imprese, tessuto fondante della nostra città. 1/2007), operatori ambulanti, fieristi e alcune categorie del settore servizi (palestre, piscine, ludoteche per servizi di intrattenimento per i bambini, spettacolo viaggiante, agenzie di viaggi, attività ricettive) per contributi a fondo perduto da 500 a 1.000 euro. (www.comune.genova.it - le notizie in Comune)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr