Masi (FIA) spiega la cancellazione del giro più veloce a Verstappen

Masi (FIA) spiega la cancellazione del giro più veloce a Verstappen
FormulaPassion.it SPORT

All’1’19.865 del finlandese della Mercedes aveva risposto l’1’19.849 dell’alfiere olandese della Red Bull, che però si è visto sfilare il punto extra dai Commissari, per aver superato i limiti del tracciato in Curva 14.

La decisione ha scatenato le reazioni del team Red Bull, con Verstappen che ha dichiarato: “È un po’ strano, perché in Curva 14 non stavano controllando i limiti della pista“.

Con la gomma di mescola soft si sono dunque sfidati Valtteri Bottas e Max Verstappen. (FormulaPassion.it)

Ne parlano anche altre testate

E ha rincarato la dose a fine gara ai media tedeschi, dopo il successo di Lewis Hamilton: “È andata bene. Non scorre buon sangue tra i vertici del team Mercedes e quelli della Red Bull, specie dopo il trasferimento del motorista Ben Hodgkinson a Milton Keynes, dopo vent’anni di militanza nelle Frecce d’Argento. (FormulaPassion.it)

L’asfalto di Portimao, infatti, è molto particolare e ha permesso alla Mercedes di non surriscaldare eccessivamente le gomme posteriori. Poi vedremo come sarà la situazione nelle classifiche per decidere come muoverci nella parte finale della stagione” (FormulaPassion.it)

Formula 1: track limits, Max Verstappen non può farsi fregare così

“Adesso abbiamo perso la vittoria, abbiamo perso la pole e ci è stato anche tolto il giro più veloce. Il consigliere della Red Bull, intervistato da Sky Sport Germania, ci è andato giù duro dimostrando, ancora una volta, una visione “particolare” delle corse. (Motorsport.com Italia)

Però - e spiace dirlo, perché Max, oltre a essere un pilota talentuosissimo, è pure intelligente - Verstappen si è fatto allegramente fregare per la seconda volta. Nel post gara, Verstappen ha invocato maggior chiarezza sui track limits, dicendo anche di aver perso la pole per questo motivo (Automoto.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr