Smartphone, sfida ai genitori «Vietateli ai minori di 14 anni»

Smartphone, sfida ai genitori «Vietateli ai minori di 14 anni»
Avvenire SCIENZA E TECNOLOGIA

La sensazione è che spesso i genitori rinuncino a mettere in campo alternative pratiche alla scelta di dare lo smartphone.

Perché al di sotto dei 14 anni il cervello umano non è organizzato, ma tsunamico: l’adolescenza è cambiamento, crescita, rischio, ricerca, esplorazione.

La nostra suggestione è rivolta principalmente ai genitori delle scuole primarie, cioè a chi la scelta di dare lo smartphone ancora non l’ha presa

La prima domanda da farci è: cosa determina in loro l’uso così massiccio dello smartphone già a quest’età?

A elencarle, le ragioni per cui bisognerebbe non dare (o togliere) lo smartphone agli adolescenti, non basterebbe un’enciclopedia. (Avvenire)

Ne parlano anche altre testate

Investimenti a rischio. Altro problema sottoposto alla Camera è quello relativo al rischio per gli investimenti messi a disposizione per la cosiddetta transizione digitale. Al termine del dibattito, il provvedimento tornerà sul tavolo del Consiglio dei ministri, dove si deciderà in merito alla sua approvazione definitiva (ilGiornale.it)

In vendita alla libreria Mondadori di viale Verdi a Montecatini. Fonte: Libreria Mondadori (valdinievoleoggi.it)

La proposta: «Niente smartphone né tablet ai bambini prima dei 14 anni»

Vietato ai minori di 14 anni, di Alberto Pellai e Barbara Tamborini (De Agostini, in uscita il 7 settembre), è apparentemente un manuale da mission impossible. Il cosiddetto cervello cognitivo, in grado di tollerare una frustrazione, si sviluppa dopo, tra i 14 e i 16 anni. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr