Coop | richiamo per un prodotto contaminato da ossido di etilene FOTO

RicettaSprint ECONOMIA

Il motivo è da ricercare nella presenza – definita possibile – di alcune tracce di ossido di etilene in quantità che superano il limite massimo consentito dalle attuali normative vigenti nell’Unione Europea.

In situazioni come questa non è richiesto esibire lo scontrino, dal momento che c’è in ballo la salute dei consumatori

Leggi anche –> Come friggere le melanzane senza fare assorbire l’olio. Tale articolo è acquistabile all’interno delle parafarmacie presenti nei centri Coop. (RicettaSprint)

Se ne è parlato anche su altre testate

Negli ultimi quattro mesi sono tanti i prodotti ritirati all’interno dell’Unione Europea per un contenuto di ossido di etilene oltre la norma. editato in: da. Il Ministero della Salute ha disposto il ritiro dal mercato di diversi prodotti, tutti considerati a rischio chimico per la presenza di una particolare sostanza. (QuiFinanza)

La catena di supermercati Coop ha appena diffuso l’avviso di richiamo precauzionale di un lotto di integratore alimentare Arkocapsule bio curcuma e piperina a marchio Arkopharma per la “possibile presenza di tracce di ossido di etilene in misura superiore ai limiti ammessi” nella materia prima. (greenMe.it)

Ma allora come è arrivato l'Ossido di etilene sui prodotti in vendita sul mercato italiano? Arrivati a questo punto, la domanda che sorge spontanea è una: cosa succede a chi ingerisce alimenti con Ossido di etilene oltre i limiti? (Today.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr