Mutui, proposto un fondo per aiutare chi non riesce a pagare le rate

idealista.it/news ECONOMIA

Autore: floriana liuni. Per chi ha un mutuo casa e non riesce a pagare le rate, potrebbe presto arrivare un nuovo aiuto oltre alle moratorie e al Fondo di Garanzia già previsto.

Vantaggio per il fondo, le cui quote vengono scambiate sul mercato, destinate a investitori istituzionali, garantite da un patrimonio immobiliare

È infatti stata presentata una proposta di legge per costituire un fondo dedicato a chi si trova in difficoltà a pagare il mutuo a causa delle instabilità economiche provocate da inflazione e guerra in Ucraina (idealista.it/news)

La notizia riportata su altre testate

La banca creditrice, ricevuta la proposta da parte del Fondo, la valuta in autonomia e decide se concludere o meno l’operazione. In caso di mancato interesse alla locazione dell’immobile da parte dell’ex debitore, il Fondo si rivolge al mercato per la locazione/cessione del cespite. (ilmessaggero.it)

Ad esempio, per una casa acquistata a 200 mila euro il canone di locazione annuo deve essere di massimo 10 mila euro. Niente di ufficiale ancora, ma la soluzione per chi non ce la fa con le rate del mutuo potrebbe esserlo presto. (Money.it)

Il prezzo è predefinito ed inferiore al valore di mercato dell’immobile L’operazione può essere quindi attivata solamente dalla banca titolare del credito (non dal debitore e nemmeno dal Fondo). (ilgazzettino.it)

Fondo salva casa: requisiti. Come per il Fondo di Garanzia sulla prima casa, anche per il Fondo salva casa vi sono due tipi di requisiti da soddisfare: quelli riguardanti la persona (in questo caso il debitore) e quelli riguardanti l’immobile. (The Wam)

Mutui, arriva un fondo per aiutare chi non riesce a pagare: come potrebbe funzionare. Secondo le ipotesi sul funzionamento della struttura, la banca o la finanziaria, dovrebbe poter proporre al fondo la cessione di un immobile oppure un insieme di cespiti posti a garanzia dei crediti deteriorati: operazione attivata esclusivamente dal creditore e non dal debitore, né dal fondo. (QuiFinanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr