Rivoluzione negli affitti: ecco cosa può cambiare

Rivoluzione negli affitti: ecco cosa può cambiare
ilGiornale.it ECONOMIA

Cosa può cambiare. In questo modo, si andrebbe incontro ad un prelievo sostitutivo del 10% invece della tassa ordinaria solitamente più alta: nel caso dell'Irpef, i proprietari degli immobili in questione hanno l'applicazione di un'aliquota marginale effettiva superiore al 30% ma che può arrivare anche ben oltre il 40% senza contare le addizionali locali.

E la conseguenza è stata che «nonostante l'introduzione dell'aliquota ridotta, il gettito derivante da locazioni non ha presentato flessioni di rilievo nel corso del tempo ". (ilGiornale.it)

Ne parlano anche altre testate

Una novità in materia fiscale, che potrebbe avere in realtà una portata più ampia: il disegno di legge presentato in Senato da esponenti di tutti i gruppi parlamentari contiene, insieme ad altre norme finalizzate a favorire l'artigianato, anche l'introduzione della cedolare secca per le locazioni relative gli immobili delle imprese artigiane. (ilmattino.it)

Tale credito viene:. – prorogato fino al 31/07/2021, per le imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e i tour operator, con le vecchie modalità di calcolo;. – esteso per i mesi da gennaio a maggio 2021, a nuove condizioni, a favore di tutti gli altri soggetti. (BergamoNews.it)

Cedolare secca per tutti? Quest’ultimo punto è testimoniato anche dalle analisi del Governo relative agli affitti per le case dal 2011, anno in cui la cedolare secca è stata applicata agli immobili a uso abitativo (Money.it)

Affitti, cedolare secca per tutti: rivoluzione in arrivo nella tassazione degli immobili

Sul mercato immobiliare si registra la possibile estensione della cedolare secca anche in favore delle imprese artigiane. Ora serve però un vero e proprio cambio di passo, che potrebbe arrivare dall’estensione della cedolare secca anche alle imprese artigiane. (Notizieora.it)

Dall'altra contribuirebbe alla riduzione dell'evasione fiscale nel settore, così come è avvenuto - in base ad analisi effettuate dallo stesso governo - per la cedolare applicata dalle case a partire dal 2011. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr