Caso Floyd: Derek Chauvin chiede un nuovo processo

Caso Floyd: Derek Chauvin chiede un nuovo processo
Corriere del Ticino ESTERI

Si accusa anche la corte che ha condannato l’ex agente di aver abusato della sua discrezione, negando in particolare la richiesta per un cambio di sede del processo.

Nella richiesta si legge come a Chauvin sia stato negato il diritto a un giusto processo e per questo ne chiedono un altro.

I legali di Derek Chauvin, l’ex agente della polizia di Minneapolis condannato per la morte del 46enne afroamericano George Floyd, hanno presentando ricorso in appello. (Corriere del Ticino)

Se ne è parlato anche su altri media

Nella richiesta si legge come a Chauvin sia stato negato il diritto a un giusto processo e per questo ne chiedono un altro. Quest’ultimo si è tenuto a Minneapolis, la città in cui Floyd è stato ucciso (Ticinonews.ch)

E questo perché, sostiene l'avvocato Eric Nelson, al poliziotto di Minneapolis è stato negato il diritto a un processo equo. Chauvin rischia fino a 40 anni di carcere (Adnkronos)

Gli avvocati di Derek Chauvin, l'ex agente di polizia di Minneapolis condannato per l'omicidio del 46enne afroamericano George Floyd, hanno presentato ricorso in appello chiedendo l'annullamento della sentenza di condanna emessa in primo grado. (Fanpage.it)

Caso Floyd, Chauvin chiede un nuovo processo

Si accusa anche la corte che ha condannato l'ex agente di aver abusato della sua discrezione, negando in particolare la richiesta per un cambio di sede del processo. Nella richiesta si legge come a Chauvin sia stato negato il diritto a un giusto processo e per questo ne chiedono un altro. (Gazzetta di Parma)

Anzi, era attesa ed è una prassi piuttosto comune nel caso di processi che si concludono con una condanna. Ai giurati viene invece rimproverata una «cattiva condotta» così come il fatto di essersi lasciati «intimidire» dalle «pressioni dovute alla questione razziale» durante il processo. (Ticinonline)

Quest'ultimo si è tenuto a Minneapolis, la città in cui Floyd è stato ucciso. Si accusa anche la corte che ha condannato l'ex agente di aver abusato della sua discrezione, negando in particolare la richiesta per un cambio di sede del processo. (RSI.ch Informazione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr