Credito imposta beni strumentali nuovi: possibile anche per doppia attività

Fiscoetasse ECONOMIA

Però, spiega l'agenzia, sarà cura del soggetto beneficiario provvedere, sul piano contabile e documentale, a separare correttamente le spese ammissibili considerate rilevanti per il calcolo del credito d’imposta

Inserisci l'indirizzo Email a cui inviare il pdf:. Con Circolare n 9/E del 23 luglio le Entrate forniscono chiarimenti in merito al credito di imposta sui beni strumentali nuovi. Leggi anche Credito d'imposta beni strumentali nuovi: i chiarimenti delle Entrate. (Fiscoetasse)

Ne parlano anche altri giornali

Particolare interesse suscita chi ha utilizzato o potrebbe usare crediti d’imposta inesistenti a seguito di atti di accollo del debito per compensare oneri tributari e previdenziali non versati. Sullo stesso filone, occhio attento anche sull’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta per ricerca e sviluppo nel periodo compreso tra il 2016 e il 2021. (La Legge per Tutti)

Controlli fiscali: contributi a fondo perduto. Nel mirino degli investigatori anche i contributi a fondo perduto che sono stati concessi dallo Stato per arginare le conseguenze economiche innescate dalla pandemia. (The Wam.net)

Il credito d’imposta spetta fino a un importo massimo di 20 milioni di euro annui per ciascun beneficiario e non è cumulabile, in relazione agli stessi costi ammissibili, con altre agevolazioni sotto forma di credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo. (Ipsoa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr