Mercati europei in cauta accelerazione. Avvio contrastato per Wall Street

Rai News ECONOMIA

Milano guadagna lo 0,40%, la migliore è Parigi che sfiora il punto percentuale di rialzo.

Listini sollevati per l'annuncio, arrivato in mattinata dalla Cina, che il colosso dell'immobiliare Evergrande ha evitato, almeno per ora, il default.Più contrastata la situazione oltreoceano: l'indice Dow Jones ha aperto in rialzo dello 0,33%, il Nasdaq in lieve calo.Mentre sul fronte delle materie prime torna a salire, dopo la pausa di ieri, il prezzo del petrolio: Brent a un passo dagli 85 dollari e mezzo al barile. (Rai News)

Se ne è parlato anche su altre testate

Le quotazioni di Borsa a quel punto sprofondarono gettando il mercato nel panico più assoluto. Nel panico generale, gli operatori continuarono a vendere a mani basse e il mercoledì del 16 ottobre il titolo collassò a 10 dollari. (Investire.biz)

Per il quarto trimestre, la blue chip ha detto di prevedere inoltre un giro d'affari attorno a $18,3 miliardi, meno dei $18,24 miliardi attesi dagli analisti. Detto questo, parentesi Snap e Intel a parte, i dati confermano che la stagione delle trimestrali Usa sta andando alla grande. (Finanzaonline.com)

Ieri solo il Dow è e sceso leggermente del -0,02%. La mia notizia per voi è che se volete fare quello che faccio io nel mercato adesso potete farlo con facilità ho chiamato "Il mercante in Fiera" il mio portafoglio ideale!!! (Investing.com)

Gli investitori seguiranno da vicino le stime di Amazon sulle entrate operative ed i ricavi per il quarto trimestre, che comprende il periodo natalizio Ma soprattutto, gli investitori sperano che Apple fornisca le previsioni sul suo redditizio Q1 fiscale che comprende il periodo natalizio. (Investing.com)

Nel frattempo, le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono calate di 6 mila unità a quota 290 mila, sotto il consenso degli economisti contattati dal Wall Street Journal, che prevedevano una lettura a 300 mila. (Milano Finanza)

Trainata al ribasso dai crolli di due titoli importanti: Intel, che perde oltre il 10% dopo aver annunciato che la sua redditività nei prossimi anni potrebbe essere inferiore al previsto per i costi elevati, e Snap, società che controlla il sistema di messaggistica Snapchat, in crollo del 24% dopo conti trimestrali deludenti ma soprattutto dopo aver spiegato che i nuovi sistemi di protezione della privacy installati su smartphone e computer Apple mettono in difficoltà il suo sistema di pubblicità mirata online. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr