Dalla didattica "in emergenza" alla (vera) didattica "a distanza": come fare

Dalla didattica in emergenza alla (vera) didattica a distanza: come fare
Agenda Digitale INTERNO

I limiti della didattica in emergenza. Finora, con modalità più o meno efficaci, è stato replicato online quanto si fa da decenni in aula.

Il passaggio principale dalla didattica d’emergenza alla didattica a distanza, online, consiste proprio nell’individuare nuove forme da dare ai contenuti, sfruttando le principali peculiarità dell’ambiente digitale.

Come passare dalla DIE alla vera didattica a distanza. (Agenda Digitale)

Se ne è parlato anche su altri giornali

(LaPresse) – “Le forze di maggioranza sono al lavoro su una mozione unitaria per la riapertura delle scuole che sarà depositata domani. (LaPresse)

Complessivamente vi saranno 5,6 milioni (65,5%) di alunni in presenza a scuola e 2,9 milioni (34,5%) in DAD, con la consueta alternanza del 50% per gli studenti delle superiori nelle regioni in cui è consentito. (Corriere di Lamezia)

Anche in Piemonte da domani si ritorna a scuola: ecco le modalità

Il rientro a scuola sia in zona arancione che rossa sarà dunque garantito nella totalità ai bambini delle scuole dell’infanzia e agli alunni della scuola primaria. 2,7 milioni gli alunni più piccoli della scuola dell’infanzia e del primo ciclo, ammessi a scuola dal DL 44, anche se si trovano in regioni classificate in zona rossa. (Valseriana News)

Nelle zone a più alto rischio contagio, tra cui il Piemonte, per queste categorie di studenti sono state disposte le attività in didattica a distanza. Come anticipato, la nostra regione rimane zona rossa. (Radio Gold)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr