Bolle di gas attorno al buco nero: cosa succede su Sagittarius A

Bolle di gas attorno al buco nero: cosa succede su Sagittarius A

Dopo la grande scoperta che ha rivoluzionato qualche mese fa il campo dell'astronomia con la prima foto di un buco nero, Sagittarius A, nella Via Lattea, altre novità senza precedenti arrivano grazie al lavoro del telescopio Alma situato in Sudamerica ma gestito dall'Eso (European Southern Observatory). Gli astronomi hanno individuato i segni di un punto caldo che orbita attorno al buco nero al centro della nostra galassia: si tratterebbe di una bolla di gas caldissimo che sfreccia attorno a Sagittarius A su un'orbita di dimensioni simili a quella del pianeta Mercurio, ma compie un giro completo in circa 70 minuti. (ilGiornale.it)

Ne parlano anche altre fonti

Utilizzando il radiotelescopio cileno Alma, un team di astronomi – fra i quali Nicola Marchili dell’Istituto nazionale di astrofisica e Ciriaco Goddi dell’Università di Cagliari – ha individuato i segni di un hot spot in orbita attorno al Sagittarius A*, il buco nero al centro della nostra galassia. (Media Inaf)

E se ci fosse qualcosa di misterioso, in grado di inglobare qualsiasi cosa con un minimo sforzo, proprio nel nostro cielo? A quanto pare, potremmo scoprire le (molteplici) risposte a questa domanda in tempi relativamente brevi: alcuni astronomi hanno infatti individuato il buco nero più vicino alla Terra e stanno cercando di comprendere meglio le sue caratteristiche e la sua pericolosità. (Libero Tecnologia)

La scoperta aiuta a comprendere meglio l’ambiente enigmatico e dinamico del buco nero supermassiccio. (askanews) – Utilizzando ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array), alcuni astronomi hanno individuato i segnali di un punto caldo in orbita attorno a Sagittarius A*, il buco nero al centro della nostra Galassia. (Agenzia askanews)

Buchi neri, gli scienziati ne hanno appena scoperto uno vicino alla Terra

La bolla ha compiuto un'orbita completa del buco nero in soli 70 minuti, una velocità equivalente al 30% di quella della luce (300’000 km al secondo). Il radiotelescopio ALMA, in Cile, ha rilevato un segnale molto sorprendente nei dati di Sagittarius A*, ha dichiarato all'AFP l'astrofisico Maciek Wielgus, dell'Istituto tedesco Max Planck. (RSI.ch Informazione)

La giornata sarà caratterizzata, tra l’altro, alle 19 dalla processione con il simulacro di Maria Santissima Bambina ospitato nella chiesa di Sant’Anna. Alle 19,30, in piazza Rimembranza, si terrà la celebrazione eucaristica presieduta da don Antoci. (Quotidiano di Ragusa)

I decennali dati accumulati dall’Istituto Gaia, coadiuvati dai nuovi strumenti di indagine in possesso della comunità scientifica, sono serviti per portare alla scoperta di questa regione dello spazio dotata di campo gravitazionale così forte da catturare e risucchiare qualsiasi cosa giunga nel suo raggio di azione. (InvestireOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr