“In 15 anni abbiamo ridotto la difettosità dell'84%”. Viaggio nell'R&D Ducati

“In 15 anni abbiamo ridotto la difettosità dell'84%”. Viaggio nell'R&D Ducati
Motociclismo.it SCIENZA E TECNOLOGIA

Si va dalla progettazione di motore ed elettronica alla sperimentazione delle parti in laboratorio e alla calibrazione in vista della messa su strada.

Per approfondire il discorso abbiamo “curiosato” nell’R&D di Borgo Panigale e intervistato Giulio Fabbri, Product Communications Manager di Ducati.

Prendiamo ad esempio la Multistrada 950: in percentuale, quante parti sono fatte internamente e quante arrivano dai fornitori?

Però per le moto di Ducati Motor Thailand produciamo internamente alcuni componenti motore (basamenti e teste) e componenti veicolo (telai, verniciatura). (Motociclismo.it)

Ne parlano anche altri giornali

Nei primi anni Novanta i Supermono hanno conosciuto anche in Italia un periodo di grande fulgore. Nati come special da pista, con motori “prelevati” da moto da enduro opportunamente preparati, hanno rapidamente catalizzato anche l’interesse di alcuni costruttori. (Moto.it)

Al secondo posto troviamo la Kawasaki Z900 (circa 400 gli esemplari acquistati a giungo) con 2.666 unità e al terzo un'altra Kawasaki naked, la Z650 con 2.048 vendite. Come dire che una moto sui quattro, considerando anche le 125 dove mancano modelli della casa tedesca, sono BMW (Moto.it)

Ducati, 20 anni fa moriva l’ingegner Taglioni, inventore del motore desmodromico

Ducati segue a ruota i risultati di Lamborghini confermandosi un asset importante per il Gruppo Volkswagen. La compagnia di Borgo Panigale ha ottenuto ottime vendite nel mese di giugno, e secondo quanto dichiara la società questo è il miglior risultato mensile di sempre con 8.598 unità vendute nel mondo. (FormulaPassion.it)

Nel Motogiro 1955 Ducati fa cappotto: i primi dieci posti nella 125 sono occupati dai piloti in sella alla “Marianna”. (La Gazzetta dello Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr