Torino, all’Inps risulta morta: 70enne deve dimostrare di essere viva per la pensione

Sky Tg24 INTERNO

All'Inps risulta infatti morta dal 15 del mese e ora deve dimostrare di essere viva per tornare a riavere la pensione.

Poi, il 14 luglio, ho mandato tutto anche all'Inps, sia di Torino che alla sede di Roma

Una donna di 70 anni, ex insegnante di Balangero (in provincia di Torino), in pensione dal 2004 si è vista bloccare la pensione dallo scorso 30 giugno.

La persona deceduta è un'omonima della pensionata di Balangero, ma la pensionata in vita non è ancora riuscita a venire a capo della questione. (Sky Tg24 )

Ne parlano anche altre testate

“Lei è morta”. (La Stampa)

Ex insegnante per l’Inps è morta: pensione sospesa, ma lei è viva e vegeta. Per l’Inps la donna è passata a miglior vita lo scorso 15 giugno. La donna, una volta che riuscirà a dimostrare di essere viva, riceverà ovviamente le mensilità arretrate (Blitz quotidiano)

Per l'Inps è morta, pensione bloccata da due mesi. La vicenda ha per protagonista un'ex insegnante settantenne di Balangero, in provincia di Torino. E quando si è informata sul perché dei mancati pagamenti ha scoperto. (News Prima)

"Ci deve dimostrare che è morta e avrà la pensione": l'assurda risposta dell'INPS alla dona viva e vegeta

Appurato l’errore si predisporrà un pagamento extra procedura per liquidare alla signora le rate di pensione bloccate entro il mese corrente”, fa sapere l’ente Per sbaglio quindi l’Inps l’ha scambiata con la defunta, interrompendo l’erogazione della pensione in suo favore. (Tecnica della Scuola)

Una 70enne italiana di Balangero, ex insegnante in pensione dal 2004, è stata protagonista, suo malgrado, di un calvario burocratico con l'Inps che a partire dallo scorso mese di luglio 2022 le ha improvvisamente sospeso l'erogazione della pensione. (TorinoToday)

Per l’ente infatti la donna è morta e non ha diritto alla pensione. Secondo l’Inps la comunicazione errata dell’Asl ha creato l’inghippo è così l’ex insegnante dovrà dimostrare di non essere morta (Voce di Napoli)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr