Lavoro, Giorgetti: Uscire da blocco licenziamenti con ammortizzatori

Lavoro, Giorgetti: Uscire da blocco licenziamenti con ammortizzatori
LaPresse INTERNO

Lo ha detto Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo Economico, intervenendo all’evento ‘Made in Italy: setting a new course’ de Il Sole 24 Ore e Financial Times.

(LaPresse) – “Abbiamo affrontato una situazione assolutamente eccezionale e abbiamo reagito con una politica assolutamente eccezionale.

Dal blocco dei licenziamenti, che solo in Italia continua a sussistere, si deve uscire con un sistema di ammortizzatori sociali che permetta a chi esce di poter avere un reddito e poter essere assistito e accompagnato al reingresso nel mondo del lavoro non appena questo lo permetterà”. (LaPresse)

Su altre fonti

In realtà il braccio di ferro su Roma è tanto estremo da sconsigliare di portarlo sotto i riflettori con un bel vertice. Anzi, non si riunirà neppure il conclave: la riunione che una settimana fa Giorgia Meloni considerava una dead line è saltata. (Il Manifesto)

Così Matteo Salvini a margine della convention di Federcuochi a Roma. La data per l’elezione del Presidente della Repubblica è lontana e quindi non parlo di candidati”. (LaPresse)

Era la clausola della «Par condicio»: nonostante il divario di voti, il successo si giocava «all'esterno» del centro, esattamente come ora. Se Forza Italia è storicamente liberale, la Lega mercatista è storicamente anti-euro. (ilGiornale.it)

Forza Italia, la rivolta contro la federazione con la Lega spaventa Berlusconi: "Matteo, è meglio rallentare"

E si capisce perché: Forza Italia rappresenta una componente significativa di quel Partito popolare che ha avuto in questi anni Angela Merkel come punto di riferimento Ma non è difficile immaginare che siano destinati a occupare un posto centrale nel prossimo futuro, al punto da condizionare tutto il resto. (La Repubblica)

"Matteo, andiamo piano. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr