Covid, 19 luglio: 238 nuovi casi e tre ricoveri in 24 ore

Covid, 19 luglio: 238 nuovi casi e tre ricoveri in 24 ore
il Resto del Carlino INTERNO

Vaccino, a un passo dai 5 milioni di dosi. Il Veneto sfiora le 5 milioni di dosi inoculate dall'avvio della campagna vaccinale ad oggi.

Con le 37 mila delle ultime 24 ore, si raggiungono infatti le 4.958.746 dosi totali (il 92,2% delle dosi fornite).

Da cinque (tre di accettazione e due di test) a dieci linee di screening anti Covid per testare gli arrivi dai Paesi europei oggetto di forte contagio

Venezia, 19 luglio 2021 - Sono 238 i nuovi casi di Covid 19 trovati in Veneto nelle ultime 24 ore (-141 rispetto al dato di ieri, con 379 casi). (il Resto del Carlino)

Se ne è parlato anche su altri media

I veneti che hanno ricevuto almeno una dose sono oggi 2.842.085 (il 58,6%), 2.204.605 (45,4%) hanno invece completato il ciclo Nessun decesso nelle ultime ore. (VicenzaToday)

Piuttosto è l’estrema ratio a cui auspico di non dover giungere , le parole del direttore generale dell’Usl Veneto orientale, Mauro Filippi. Ragione per cui proprio l’Uls Veneto orientale non ha ancora provveduto a sospendere nessuno dei propri 80 sanitari no vax (soprattutto Oss ma anche medici ospedalieri e di famiglia, nonché infermieri) (Nurse24)

«Non sarà facile trovare soluzioni per non interrompere i servizi — ammette il direttore generale Maria Grazia Carraro — ci stiamo lavorando. La commissione istituita per vagliare le posizioni dei dipendenti sta verificando di nuovo ogni singolo caso. (Corriere della Sera)

Università, classifica Censis: Ca’ Foscari quinta fra i grandi atenei

A casa senza stipendio fino a capodanno. Alla Ulss Veneto Orientale dopo gli annunci nei giorni scorsi, per il momento gli 80 no vax non sono ancora stati sospesi, mentre nella Marca Trevigiana i solleciti partiranno settimana prossima. (Prima Verona)

Particolarmente delicata la questione padovana, dove il totale dei “no vax” ammonta a 4.428. Sempre entro la settimana le aziende sanitarie dovranno ultimare le mappature interne, per individuare le eventuali mansioni a cui destinarsi i sanitari no vax, che riceveranno lo stipendio corrispondente, eventualmente ridotto. (Il Mattino di Padova)

Forte dei suoi quasi 23 mila iscritti, Ca’Foscari accede alla categoria dei “grandi atenei”. 7 rispetto a quello dell’anno scorso, è la media dei risultati ottenuti nei diversi parametri presi in considerazione. (La Nuova Venezia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr