Rivolta in carcere. Detenuto aggredisce agente e tenta di chiuderlo in cella

Rivolta in carcere. Detenuto aggredisce agente e tenta di chiuderlo in cella
Tarantini Time INTERNO

Lo dicano ai cittadini di Foggia che si sono trovati nelle strade, nei loro locali, nei loro automezzi i 72 detenuti evasi dal carcere, mentre per l’amministrazione era tutto sotto controllo.

Da mesi se non anni, il SAPPE denuncia all’amministrazione penitenziaria ed ai mass media le stesse cose che non vengono mai affrontate.

I fatti: nella serata di ieri , un detenuto chiedeva uscire dalla stanza poiché doveva telefonare. (Tarantini Time)

Ne parlano anche altri media

Perché un carcere come quello di Catanzaro che ospita più o meno gli stessi detenuti di Taranto, ha in organico circa 200 poliziotti in più? E mai possibile che carceri piccole come Turi, Lucera, San Severo, Brindisi, abbiano un direttore effettivo e Taranto no? (TarantoBuonaSera.it)

Di seguito un comunicato diffuso dal sindacato di polizia penitenziaria Sappe:. Nel frattempo sono arrivati gli altri poliziotti(pochi peraltro) che riuscivano a contenere i detenuti e ripristinare l’ordine , evitando che si compisse una tragedia. (Noi Notizie)

L'agente è riuscito a divincolarsi e a lanciare l'allarme, mentre il detenuto ha aperto le altre celle dalle quali sono usciti diversi suoi compagni che hanno sfasciato tutto quello che è capitato a tiro. (Quotidiano di Puglia)

Taranto, nuovo focolaio di Covid nel carcere sovraffollato (e senza direttore)

Nella serata di ieri, 23 novembre, nel carcere di Taranto alcuni detenuti hanno tentato una rivolta, per fortuna soffocata quasi subito dai poliziotti. Una volta uscito dalla cella però, il detenuto ha aggredito il poliziotto sottraendogli le chiavi delle celle e cercando di chiudere lo stesso poliziotto nella cella. (Puglia Reporter Notizie)

E’ mai possibile che carceri piccole come Turi, Lucera, San Severo, Brindisi abbiano un direttore effettivo e Taranto no?”, chiede Un poliziotto aggredito durante una rivolta scoppiata nel carcere di Taranto. (Corriere di Taranto)

È ancora una volta il Sappe, il sindacato autonomo polizia penitenziaria, a denunciare l’ultimo episodio che racconta emblematicamente la situazione critica dell’istituto ionico. Non contento, ha aperto anche altre stanze liberando diversi detenuti che hanno immediatamente messo in piedi una rivolta. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr