Obbligazioni subordinate MPS KO dopo la rottura con Unicredit

InvestireOggi.it ECONOMIA

La notizia di questi giorni, invece, riguarda il fallito negoziato con Unicredit, che ha aperto interrogativi sul futuro di Siena.

Le tre suddette obbligazioni MPS si collocavano fino a maggio/inizio giugno nettamente sopra la pari o in prossimità di essa.

Giù le azioni, ma ad essere colpite dalla rottura delle trattative con Unicredit sono state particolarmente le obbligazioni subordinate di Monte Paschi di Siena (MPS). (InvestireOggi.it)

Ne parlano anche altre fonti

Bastianini e Orcel L'audizione avverrà il prossimo 8 novembre a mercati chiusi. Condividi. L'ufficio di presidenza della commissione bicamerale d'inchiesta sul sistema bancario ha deciso di convocare in audizione gli amministratori delegati di Unicredit, Andrea Orcel, e Monte dei Paschi di Siena, Guido Bastianini, il prossimo 8 novembre. (Rai News)

Mps: opzione peggiore risoluzione, cosa dice la direttiva BRRD. A tal proposito, il riferimento è alla direttiva n. E sulla proroga che il governo Draghi avrebbe già chiesto alle autorità europee? (Finanzaonline.com)

E’ la domanda che si stanno ponendo da ore analisti e osservatori – e soprattutto i politici romani – dopo la trattativa sospesa fra ministero dell’Economia (azionista di controllo di Mps) e Unicredit (Startmag Web magazine)

Mercati Rialzi per Mps e Unicredit il tech corre da Francoforte a New York. Condividi. di Fabrizio Patti Borsa di Milano in rialzo a metà seduta, l'indice Ftse Mib di Milano sfiora i 27mila punti, siamo sui massimi dal 2008. (Rai News)

La partita è cominciata. (La Repubblica)

Diodovich illustra gli scenari per il Monte dei Paschi, nel cui capitale il Tesoro detiene una partecipazione di maggioranza pari al 64%, dopo la ricapitalizzazione precauzionale lanciata nel 2017. Così Filippo Diodovich, senior market strategist di IG Italia, ha commentato la notizia, diffusa domenica 24 ottobre, relativa alla rottura delle trattative tra UniCredit e il Tesoro su Mps. (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr