Montemurlo, parla la mamma di Luana: "Ora il nostro primo pensiero è il suo bambino"

Montemurlo, parla la mamma di Luana: Ora il nostro primo pensiero è il suo bambino
Più informazioni:
LA NAZIONE INTERNO

Pistoia, 4 maggio 2021 - «Ora il nostro primo pensiero è il bambino, a quale non faremo mancare nulla, anche se non avrà la cosa fondamentale, l'amore della sua sua mamma».

Proprio ieri aveva assunto un altro giovane dipendente per starle vicino, ma c'era anche il caporeparto e un altro dipendente».

La tragedia è grande, non solo per me, anche per il datore di lavoro, che si chiama Luana, come mia figlia. (LA NAZIONE)

La notizia riportata su altre testate

Meno, invece, appena uscito di casa per salire sull’ambulanza del 118, dove è sembrato visibilmente disorientato e turbato per tutta la situazione, deflagrata il primo maggio. Nel frattempo ieri pomeriggio sono tornate a Falconara le telecamere della Vita in Diretta, con il caso attenzionato perfino dai media nazionali (il Resto del Carlino)

Il fidanzato di Luana ha aggiunto che la ragazza gli parlava spesso del suo lavoro: «Era contenta, anche se c’erano tante cose che non le andavano bene. La signora Marrazzo ha quindi rivolto un appello affinché non si verifichino più tragedie come quella di Luana: «Basta morti sul lavoro, non deve succedere né a 20 anni, né a 60, né a 70». (Open)

Luana D’Orazio, l’appello della madre: “Sul lavoro non devono morire né ventenni né più…

"Non giudico e condanno nessuno, ci devono essere controlli fatti spesso". (Video - La Stampa)

Il giorno dopo aver perso sua figlia, trova la forza per lanciare un appello, affinché tragedie come quella avvenuta lunedì non si ripetano: “Sul lavoro non devono morire né ventenni, né trentenni, né più anziani, sono tutte vite umane“. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr