F1 - L'errore Mercedes che condanna Lewis Hamilton

F1 - L'errore Mercedes che condanna Lewis Hamilton
Altri dettagli:
FUNOANALISITECNICA SPORT

Infine, il disastro con Hamilton: quando vede che l’inglese gli esce davanti in curva 1, tenta l’impossibile e finiscono entrambi fuori.

Prima sfruttano la partenza maldestra di Hamilton nella sprint qualifying per mettersi davanti a lui.

Mercedes: 7 al team; 8.5 a Bottas; 5 a Hamilton. Per quanto riguarda Bottas, forse il suo più bel weekend finora.

Ferrari: 7 al team; 7.5 a Leclerc; 7 a Sainz. (FUNOANALISITECNICA)

Se ne è parlato anche su altri media

Le immagini del casco di Hamilton sotto la gomma avrebbe potuto avere tutt’altra valenza se non ci fosse stata la protezione ad impedire il contatto. Ma di certo a rimanere negli occhi sono state le immagini dell’incidente con la ruota posteriore sinistra della Red Bull che è andata proprio sulla testa di Hamilton. (AutoMotoriNews)

Ieri a Monza l’Halo ha salvato Lewis Hamilton dopo la collisione con la Red Bull di Max Verstappen nella quale la RB16-B #33 è volata sopra la Mercedes W12 #44. Così nel marzo del 2016 Lewis Hamilton si schierava nel fronte di chi era contrario all’Halo, ovvero la protezione per il cockpit introdotta in F1 a partire dal 2018. (FormulaPassion.it)

E credo che sarà un precedente importante per la sicurezza dei piloti, e sottolinea che ci sono regole severe da rispettare. Penso di aver bisogno di un po' di tempo per pensarci su, ma sicuramente quanto accaduto crea un precedente. (Sport Mediaset)

F1, Liuzzi: Verstappen molto aggressivo, sorpasso forzato e azzardato

A metà gara si sono scontrati i due grandi duellanti per il titolo iridato: Lewis Hamilton era in uscita dai box, è stato affiancato da Max Verstappen, il quale ha cercato il sorpasso all’esterno della prima chicane. (OA Sport)

(LaPresse) – “E’ tutto scritto nel nostro giudizio, Max è stato molto aggressivo, non era in una posizione in cui poter superare, era troppo arretrato nei confronti di Hamilton al momento del contatto. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr