Roma, rapinava i coetanei alla stazione di Monte Mario minacciandoli con una pistola: arrestato un minorenne

Roma, rapinava i coetanei alla stazione di Monte Mario minacciandoli con una pistola: arrestato un minorenne
Corriere TV INTERNO

Fermato dalla polizia mentre stava per salire sul treno, il giovane ha opposto resistenza - Ansa /CorriereTv. Il giovane minorenne, di origine rom, era diventato l'incubo di tutti i ragazzini che transitavano nei pressi della Stazione FM3 Monte Mario a Roma.

In entrambe le rapine contestate il giovane malvivente aveva minacciato le sue vittime facendogli intravedere una pistola infilata nella cintura dei pantaloni

I suoi complici sono riusciti a defilarsi e a fuggire approfittando del fatto che la Polizia fosse impegnata a contenere la resistenza opposta dal ragazzo, sottoposto a fermo di indiziato di delitto poi confermato nell’udienza di convalida. (Corriere TV)

Su altre fonti

Il giovane minorenne, di origine rom, era diventato l’incubo di tutti i ragazzini che transitavano nei pressi della stazione FM3 Monte Mario a Roma . I poliziotti, durante un appostamento, hanno riconosciuto il delinquente mentre stava per salire su un treno con altri ragazzi. (Il Fatto Quotidiano)

Trovata la refurtiva, il ragazzo, un minorenne di origine rom, è stato sottoposto a Fermo di indiziato di delitto. Un vero e proprio incubo dei ragazzi che si trovavano a transitare all'interno e nei pressi della stazione FM3 Monte Mario. (RomaToday)

Roma, rapinava i coetanei alla stazione Monte Mario: arrestato minorenne incubo dei giovanissimi

La polizia ha arrestato un ragazzo rom di 17 anni condotto nel carcere minorile di Casal del Marmo: il 29 marzo scorso, i poliziotti del commissariato Primavalle durante un appostamento nei pressi della stazione ferroviaria hanno notato un gruppo di giovani intorno ad altri, proprio nel momento in cui stava partendo un treno e, riconosciuto uno di questi per averlo visto nelle immagini degli impianti di videosorveglianza per un’altra rapina, lo hanno bloccato (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr