F1 | La telemetria dell’incidente: Hamilton frena ma è troppo tardi

F1 | La telemetria dell’incidente: Hamilton frena ma è troppo tardi
FormulaPassion.it SPORT

Nel complesso l’impatto tra Hamilton e Verstappen è stato di notevole entità, specie perché le due ruote giravano ad altissima velocità.

Nel momento in cui aveva alzato il piede per l’ingresso di Copse, Verstappen era a 301 km/h, e il contatto con Hamilton avviene quindi tra i 270 e i 290 km/h.

Non a caso la gomma di Verstappen è stata letteralmente sradicata dal cerchione, e, da quanto appreso stamattina, anche il cerchione di Hamilton aveva subito gravi danni

Abbiamo recuperato i dati disponibili del primo giro fino all’incidente e ci siamo concentrati sul tratto che va da curva Luffield a curva Copse, il punto “incriminato” dove è avvenuta la collisione tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. (FormulaPassion.it)

Su altri media

Ad Hamilton si può imputare l'eccessivo azzardo in un punto difficile della pista, ma a Max, leader del mondiale, non si può negare invece il fatto che non abbia ragionato da leader del mondiale, andando a perdere parte dell'importante vantaggio che aveva sapientemente sin qui accumulato Non è assolutamente stato un Gran Premio avaro di emozioni. (Motorsport.com, Edizione: Italia)

L’incidente occorso tra Hamilton e Verstappen nel corso del primo giro di gara ha però sicuramente avuto un peso nella scelta di Horner e Marko. La scuderia di Milton Keynes infatti ha scelto di rinunciare volontariamente a dei in più nella classifica costruttori, pur di togliere ad Hamilton il bonus che stava raggranellando grazie al giro più veloce in gara. (FormulaPassion.it)

Hamilton mette in riga Verstappen. Crash a Silverstone: ragazzo il capo resto io

L'incidente fra l'olandese della Red Bull e Lewis Hamilton ha monopolizzato l'attenzione nella domenica del GP di Silverstone. Al di là delle polemiche fra i due piloti, fortunatamente non ci sono state conseguenze per Verstappen (Sky Sport)

I due sono due fenomeni, ma Hamilton ha fatto vedere recentemente che è disposto ad alzare il piede quando c’è odore di guai. Ha fatto solo capire che la penalizzazione l’accettava, ma non la condivideva per nulla al mondo. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr